La legge sulle intercettazioni “non è la migliore legge per l’interesse nazionale ma forse per l’interesse personale di qualcuno”. Il presidente della Camera Gianfranco Fini, dal palco di Fli in occasione di un incontro con gli imprenditori a Palermo, tuona ancora contro il ddl bavaglio riproposto dalla maggioranza.

“Quanti sarebbero”, ha domandato provocatoriamente la terza carica dello Stato, gli italiani che se dovessero scrivere l’ordine del giorno dei lavori della Camera metterebbero al primo punto il disegno di legge sulle intercettazioni?”. Per Fini si tratta dell’ennesimo uso ad personam da parte di Silvio Berlusconi del potere legislativo, allo stesso modo in cui, ha detto, “un giorno serve il processo breve e un altro il processo lungo”.

Dall’ex alleato è arrivato poi un attacco a tutto campo nei confronti del presidente del Consiglio, del suo atteggiamento nei confronti delle inchieste giudiziarie che lo vedono coinvolto e della Lega.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Zar Silvio si ricandida nel 2013?

prev
Articolo Successivo

La solitudine di
Benedetto XVI

next