Tre ore di riunione non sono bastate per sciogliere il nodo della candidatura per la presidenza dell’Anci, l’associazione che rappresenta oltre 8mila comuni italiani. Così, per uscire dall’impasse, i delegati del Pd riuniti a Brindisi per il congresso nazionale hanno deciso di metterla ai voti. Una sorta di miniprimarie, vinte alla fine da Graziano Delrio, sindaco di Reggio Emilia, che ha battuto il primo cittadino di Bari, Michele Emiliano, con 89 voti contro gli 85 ottenuti dall’ex magistrato. Una disputa talmente lunga da mettere in imbarazzo gli stessi protagonisti. “Dobbiamo chiedere scusa” ha commentato a caldo il Delrio. La palla ora passa all’assemblea congressuale dell’associazione, che entro breve eleggerà il nuovo presidente.

Il nome di Delrio circolava già da settimane come candidato ottimale, avendo raccolto simpatie da entrambi gli schieramenti politici. Come quelle del sindaco Verona, il leghista Flavio Tosi, che ha più volte dato prova di apprezzare l’intenso lavoro del sindaco di Reggio Emilia all’interno dell’Anci, per difendere i bilanci degli enti locali minacciati dalla finanziaria. Con lui anche diversi sindaci del Pdl, di Sel e dell’Idv.

Insomma una soluzione condivisa, sulla quale sembrava non esserci ostacoli. E invece, a sorpresa i veti sono arrivati dall’interno. A mettersi di traverso sono stati infatti alcuni esponenti del suo stesso partito, tra cui Giuseppe Fioroni e un pezzo da novanta come Massimo D’Alema. L’ex-premier infatti non ha mai nascosto di preferire Michele Emiliano, attualmente alla guida di Bari. Un altro democratico, ma del sud, e in particolare di quella Puglia dove anni fa D’Alema gettò le radici del suo potere politico.

Oggi le due correnti si sono scontrate per ore senza trovare un punto d’incontro. Tanto che alcuni hanno temuto di arrivare davanti all’assemblea con due candidati diversi. Dopo una giornata convulsa e ricca di tensioni, le primarie quindi sono parse a tutti come l’unica soluzione possibile per evitare di spaccare in due il centrosinistra.

Dobbiamo chiedere scusa a tutti – sono state le prime parole del neocandidato Delrio – e considerare che questa discussione è stata fatta per solo per cercare la migliore soluzione migliore per l’Anci. Ringrazio Michele Emiliano per il confronto democratico che ci ha coinvolto per l’amicizia che mi ha dimostrato firmando per primo la mia candidatura”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Parma l’ateneo più caro d’Italia. E scoppia il caso sulle borse di studio tagliate

next
Articolo Successivo

Segretario Pd indagato
Anche un testimone lo accusa

next