“Abbiamo deciso di preparare un documento che dica quali sono le riforme che vanno fatte per salvare l’Italia”. Dopo l’ultimatum lanciato al governo appena tre giorni fa, il presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, torna a bacchettare l’esecutivo nel corso dell’assemblea di Confindustria Toscana. Poi il numero uno di via dell’Astronomia aggiunge: “Se il governo è disponibile a parlare con noi di queste grandi riforme, siamo disponibili. Se il governo – continua – vuole andare avanti su piccole cosette di manutenzione, noi scindiamo le nostre responsabilità perché vogliamo un cambiamento vero”.

La Marcegaglia indica anche alcune delle soluzioni per uscire dalla crisi. “Ci sono alcuni punti fondamentali che devono essere affrontati – prosegue -. La riduzione della spesa pubblica, a partire dalla riforma delle pensioni. Ci vuole una riforma delle pensioni a livello dell’Europa, bisogna abbassare il cuneo contributivo fiscale a partire dai giovani”. Poi parla delle cartolarizzazioni. “Dobbiamo fare una vendita di beni pubblici. Ci sono beni immobili per oltre 500 miliardi di euro, da utilizzare per abbassare il debito pubblico e levare l’ingerenza del pubblico in economia. Variamo un piano di privatizzazione serio e vero, si può fare”. Uno dei punti fondamentali del “manifesto” è, poi, un piano di privatizzazioni. “Tutto questo aiuterebbe a far crescere l’economia”.

Inoltre, quella che è una delle istanze più pressanti di Confindustria, le infrastrutture: “Ci sono due aspetti: levare tutti quei vincoli burocratici e di testa che impediscono ad investimenti già finanziati di partire”. Ma il leader degli industriali, più di tutto, fa riferimento alla riforma fiscale. “Serve subito una riforma fiscale che abbassi le tasse su chi tiene in piedi questo Paese, ovvero lavoratori ed imprese, e le alzi su tutto il resto”. “Siamo anche disponibili ad una piccola patrimoniale pur di avere meno tasse per le nostre imprese. Noi vogliamo una vera discontinuità, la vogliamo velocemente, non piccole cose che – conclude – non aiutano a cambiare il passo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Borse europee, fallisce il rimbalzo
Lo spread ancora a 400 punti

prev
Articolo Successivo

È colpa della Cina. O dell’Europa. Mai nostra

next