Dove andrà Serena? Ovunque vada, la seguirò. Amavo quella trasmissione. Amavo la ciacionaggine romana di Serena. Amavo il suo (finto) scandalizzarsi alle battute di Vergassola. Amavo anche Vergassola. Fulminava più di un editoriale di Ostellino, prendeva per il culo (la Merkel non c’entra) con un cinismo alla Maccari e una dissolutezza alla Wilde. Amavo tutti, ma soprattutto amavo Max Pajella. Oh mio carissimo Max, dove sei finito? Mi restano solo le imitazioni che fanno di te Cicchitto e Minzolini, niente a che vedere con i tuoi originali.

L’altra sera, 15 settembre, ti ho rivisto alla fine del Tg1 mentre sparavi cazzate a vanvera. Ho riso fino alle lacrime. No, in verità non è esatto: ho riso finché Francesco Giorgino, uscito dalla trousse di cipria dove di solito dorme, ha rivelato che non eri tu, ma Minzolini in carne e calvizie. Allora ho pianto. Dove siete tutti quanti? Ah, se non sapete che fare del divano rosso, lo comprerei. Sto arredando un loft. Ho già un poster di Berlusconi due per tre. Ma non vi dico cosa gli lancio ogni giorno: lo dirò solo a Lavitola. Quando torna.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Contro il bavaglio una sola manifestazione

next
Articolo Successivo

E al Tg1 apparve una lingua da 10 centimetri

next