Chiusura negativa per la Borsa di Milano: il Ftse Mib cede lo 0,23% a 15.106 punti e l’All Share lo 0,1% a 15.990. La seduta era partita bene, con indici sostenuti dal comparto bancario; gli indicatori negativi sulla fiducia nell’Eurozona prima e dei consumatori Usa poi hanno appesantito i mercati, con Wall Street in calo nelle prime battute. In ordine sparso le principali borse europee.

Piazza Affari ha pagato anche la nuova impennata dello spread Btp-Bund, tornato a toccare i 300 punti con le banche che, di riflesso, hanno invertito la rotta per chiudere in rosso. Svetta, in controtendenza, il balzo di Fonsai dopo la conferma dei target per il 2011. Chiusura contrastata per energetici e industriali; bene titoli del lusso e i cementi.Sempre sottile il volume degli scambi, di poco superiore a 1,5 miliardi di controvalore.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Manovra, truffato chi ha riscattato la laurea
E il servizio militare non conta più

next
Articolo Successivo

Dietrofront Lega, salta la norma sulle pensioni, e il buco nella manovra si allarga

next