Tocca sempre andare all’estero per vedere un politico che si vergogni.

La conferenza-stampa con scuse e lacrime di Christian von Boetticher, presidente della Cdu del Schleswing-Holstein, Stato della zona nord della Germania ai confini con la Danimarca e candidato primo ministro alle prossime elezioni del 2012, ha fatto il giro del mondo.

Le dimissioni e le scuse sono arrivate ieri, dopo che un giornale aveva rivelato la sua relazione con una ragazza di 16 anni conosciuta su Facebook.

Nonostante in Germania non sia reato avere relazioni e rapporti sessuali con chi ha compiuto 16 anni, l’indignazione popolare ha raggiunto subito il limite di guardia, complice anche un netto calo della Cdu negli ultimi sondaggi e una situazione economica che oggi ha mostrato una fragilissima precarietà.

Ciò che non è reato penale è stato percepito come un grosso problema etico e morale.

Perché invece qui un ultrasettantenne che frequenta dietro compensi vari e regalie minorenni e, paga sotto varie forme le maggiorenni, non suscita la stessa indignazione e, se posso, una buona dose di nausea, considerando che economicamente e in prospettiva siamo messi assai peggio, grazie anche ai mesi passati a cercare gabole ai suoi processi?

I Cristiani tedeschi, ugualmente divisi tra cattolici(29,8%) e protestanti (29,7%) hanno fatto sentire la loro voce.

I Cristiani italiani (87,8% credenti cattolici e 36,8 praticanti) rappresentati in tutto l’arco costituzionale, quando riusciranno a fare altrettanto?

In Germania i cittadini e i colleghi politici hanno ritenuto von Boetticher inadatto a ricoprire la carica di primo ministro del suo Stato, spingendolo verso le dimissioni.

Da noi il cerone sta coprendo tutto.

Il resto lo fanno i soldi che, nel caso, raramente sono tracciabili.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salemi, taroccati i manifesti di Sgarbi
“Qua è mafia! Cittadini, ribellatevi”

next
Articolo Successivo

Lampedusa, nuovo sbarco nella notte
Sale la tensione a Pantelleria

next