I ministri del Tesoro riuniti, la Fed e la Banca Mondiale sono unanimi nel suggerire ad analisti, broker, trader o semplici contribuenti che, di fronte all’attuale crisi economica, con le Borse impazzite, i titoli a picco, il crollo dei mercati e nuove tasse in arrivo, non resta che fare una cosa: bere.

Ecco una lista dei cocktail più bevuti nei migliori bar di Wall Strett, Francoforte o Milano

Spread on the beach
Si mettono in uno shaker bund tedeschi e Btp italiani. Bere responsabilmente: fra i due ci può essere un differenziale di tasso alcolico anche molto alto, con conseguente coma etilico al primo sorso – e uscita del fegato dall’Euro. Se servito ghiacciato il cocktail ha un rendimento maggiore.

Rating Martini
E’ un celebre cocktail americano, composto da -4% di gin (marca Standard & Poor’S) e +2,5% di venture dry. Storicamente è un cocktail da tripla A; ma recentemente la IBA (International Bartenders Association) lo ha declassato ad AA+ (la doppia A sta per Alcolisti Anonimi). Si guarnisce con un’oliva greca.

Pil’s Cup
Bevanda a base di beni e servizi, è una miscela segreta la cui ricetta è custodita dal Tesoro. Viene prodotta in un non meglio precisato “interno lordo” (forse una cantina fatiscente), e vi contribuiscono anche gli immigrati (il 9% del tasso alcolico è dato da loro).

BCinquantadueE
Mix di titoli di stato (preferibilmente italiani e spagnoli). È il cocktail preferito di James Bond, che lo amava “agitato, non mescolato” – proprio come viene servito in questi giorni sui mercati. Cocktail molto costoso, può venire anche 22 miliardi – tranne al bar del Senato, dove lo si può bere per 30 centesimi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ce piaceno li polli, l’abbacchi e le galline

next
Articolo Successivo

Angelino, diminutivo di “segretario”

next