Jean-Claude Trichet, presidente della Banca centrale europea

“Anche per l’Italia, come gli altri Paesi dell’area euro, le riforme strutturali sono necessarie, e in particolare occorre anticipare i tempi del risanamento fiscale”. Lo ha detto il presidente della Banca centrale europea Jean-Claude Trichet, sottolineando che “tutti i Paesi stanno anticipando la situazione, è vero anche per l’Italia”, per la quale – ha aggiunto – “direi che le riforme strutturali sono molto, molto importanti”. Quando ”si osserva il tasso di crescita dell’Italia nel tempo, – ha detto ancora – si capisce che non corrisponde in nessun modo al potenziale di medio-lungo termine” e questo in un Paese ”dove le risorse umane sono così buone, lo spirito imprenditoriale così chiaro a livello di piccole e medie imprese (Pmi) dove si capisce subito che l’economia italiana è frenata da ostacoli strutturali”. Mettere rimedio a tutto questo ”è urgente per tutti, e anche per l’Italia, naturalmente”.

Il presidente della Bce, nel corso del suo intervento ha sottolineato che, per quanto riguarda l’Europa, “l’incertezza è particolarmente alta” e la crescita economica dell’area euro è in “decelerazione”. I rischi, secondo Trichet, potrebbero anche aumentare per le tensioni sui mercati. Per questo, la Banca centrale europea ha deciso di immettere nuove liquidità di emergenza nel sistema: “Alla luce delle rinnovate tensioni dei mercati – ha detto – il Consiglio direttivo ha deciso di effettuare” nuove operazioni di rifinaziamento straordinarie a favore delle banche, in particolare erogando loro prestiti a 6 mesi di scadenza. Il presidente della Bce ha aggiunto che la Banca centrale europea inoltre monitorerà i rischi sui prezzi “molto da vicino”. Come molti analisti fanno notare questa è la formula usata spesso da Trichet per segnalare con un anticipo di due mesi un possibile rialzo dei tassi d’interesse. Oggi l’Eurotower li ha lasciati invariati all’1,50%

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crisi: ultime notizie dal baratro

next
Articolo Successivo

Quando le immatricolazioni last minute drogano il mercato dell’automobile

next