Una forte scossa di magnitudo 6,4 della scala Richter ha oggi fatto nuovamente tremare la regione di Honsu, nel nord-est del Giappone, la stessa devastata dal sisma che, assieme a un maremoto, lo scorso 11 marzo ha provocato 23mila tra morti e dispersi e il disastro collaterale nella centrale nucleare di Fukushima.

Non vengono segnalati danni né a cose né a persone e le autorità non hanno fatto scattare nessun allarme tsunami. La scossa, secondo quanto hanno riferito diversi testimoni, è stata distintamente avvertita anche a Tokyo, soprattutto da chi si trovava ai piani alti degli edifici.

Secondo l’Usgs, l’Istituto americano di geofisica, il fenomeno è stato registrato alle 03:54 di domenica (le 20:54 italiane di ieri). L’epicentro è stato localizzato a una profondità di 43,5 chilometri al largo della prefettura di Fukushima e 186 chilometri a nord-est di Tokyo.

Le autorità nipponiche hanno fatto sapere che non sono state registrate anomalie di sorta nelle centrali di Daiichi, Daini e Fukushima. Lo scorso marzo, quest’ultima aveva subito gravi danni al sistema di raffreddamento e si era verifata una fuoriuscita di materiali radioattivo.

La polizia della regione di Honsu ha reso noto di non avere ricevuto segnalazioni di vittime o di danni in seguito alla nuova scossa.

Gli eventi tellurici sono frequenti in Giappone che, a causa della sua posizione geografica alla confluenza di due placche, è teatro di almeno il 20 per cento dei terremoti di magnitudo 6 o superiore registrati ogni anno nel mondo. Quello dell’11 marzo aveva toccato una magnitudo di 9,0, una delle più alte mai registrate in assoluto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, tre giorni per scongiurare il default
Il Tesoro pensa già a un piano di emergenza

next
Articolo Successivo

Siria, i carri armati sparano sui civili
Ad Hama oltre 100 morti

next