Una forte scossa di magnitudo 6,4 della scala Richter ha oggi fatto nuovamente tremare la regione di Honsu, nel nord-est del Giappone, la stessa devastata dal sisma che, assieme a un maremoto, lo scorso 11 marzo ha provocato 23mila tra morti e dispersi e il disastro collaterale nella centrale nucleare di Fukushima.

Non vengono segnalati danni né a cose né a persone e le autorità non hanno fatto scattare nessun allarme tsunami. La scossa, secondo quanto hanno riferito diversi testimoni, è stata distintamente avvertita anche a Tokyo, soprattutto da chi si trovava ai piani alti degli edifici.

Secondo l’Usgs, l’Istituto americano di geofisica, il fenomeno è stato registrato alle 03:54 di domenica (le 20:54 italiane di ieri). L’epicentro è stato localizzato a una profondità di 43,5 chilometri al largo della prefettura di Fukushima e 186 chilometri a nord-est di Tokyo.

Le autorità nipponiche hanno fatto sapere che non sono state registrate anomalie di sorta nelle centrali di Daiichi, Daini e Fukushima. Lo scorso marzo, quest’ultima aveva subito gravi danni al sistema di raffreddamento e si era verifata una fuoriuscita di materiali radioattivo.

La polizia della regione di Honsu ha reso noto di non avere ricevuto segnalazioni di vittime o di danni in seguito alla nuova scossa.

Gli eventi tellurici sono frequenti in Giappone che, a causa della sua posizione geografica alla confluenza di due placche, è teatro di almeno il 20 per cento dei terremoti di magnitudo 6 o superiore registrati ogni anno nel mondo. Quello dell’11 marzo aveva toccato una magnitudo di 9,0, una delle più alte mai registrate in assoluto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Usa, tre giorni per scongiurare il default
Il Tesoro pensa già a un piano di emergenza

prev
Articolo Successivo

Siria, i carri armati sparano sui civili
Ad Hama oltre 100 morti

next