Offrono uno spaccato della Rete italiana i nuovi dati Audiweb sulla presenza degli italiani in rete a giugno – e sulle loro letture online. Prima di tutto, l’audience Internet in Italia: per Audiweb a giugno sono stati 26,2 milioni gli italiani che hanno navigato almeno una volta (+10,4 per cento su base annua). Il 62,3 per cento delle famiglie italiane, inoltre, dichiara di avere un collegamento a Internet da casa (+11,3 per cento rispetto al 2010). Bene anche il mobile con 8,3 milioni che lo utilizzano, in aumento del 73,7 per cento in un anno.

Per quanto riguarda il nostro settore, quello dei siti web e dell’editoria giornalistica, Libero.it si conferma il primo portale italiano con 3,2 milioni di utenti unici e 76,1 milioni di pagine viste nel giorno medio (molti di questi, probabilmente, utenti dell’account di posta). Virgilio, invece, segue a 2,9 milioni di utenti unici in discesa rispetto all’anno precedente. Microsoft, con tutti i siti del gruppo – il motore di ricerca Bing compreso – è stabile a 4,4 milioni di utenti unici.

Veniamo ai giornali e portali di news. Repubblica.it resta in vetta: conta nel giorno medio 1,7 milioni di utenti unici e 14,1 milioni di pagine viste – così come maggio –, mentre Corriere.it insegue 1,3 milioni di utenti e 11,4 milioni di page view. Il Sole 24 Ore scende da 335 mila a 331 mila utenti unici mentre cresce leggermente LaStampa.it   con 451 mila utenti unici.

A crescere più di tutti, il nostro sito ilFattoQuotidiano.it : per Audiweb a giugno sono stati 335 mila gli utenti unici rispetto ai 307 mila di maggio (ma a giugno abbiamo registrato anche picchi di 619 mila); le pagine viste si attestano a 1,9 milioni (1,4 milioni il mese precedente).

Molto interessanti anche i dati sulle realtà giornalistiche solo online, che sembrano non riuscire a sfondare. Lettera43, il portale di Paolo Madron, conta 40 mila utenti unici (erano 42 mila a maggio); scende il Post di Luca Sofri che si ferma a 25 mila utenti unici (e 123 mila pagine viste).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Quotidiani, vendite a picco. Ma il Fatto “vola”

prev
Articolo Successivo

E’ la stampa, bellezza!
“Chi tocca Silvio muore”

next