Dal giorno dello scandalo che ha esaltato l’amministrazione in carica, 24 giugno e 11 arresti per corruzione, l’indignazione alla parmigiana non ha saputo andare oltre qualche centinaio di individui, impennata l’ultima volta dalla presenza di pentole: aumenta il rumore, ma le centinaia son sempre quelle. Brutto segno.

Sembrava un ruggito, era uno sbadiglio venuto da un sonno profondo. Parma ha fatto notizia, siamo finiti su tutti i giornali: la Parigina Ducale che si indigna sotto i portici del Comune! Il timore forte è che lo sbadiglio non lasci seguito al risveglio, che quelle centinaia di “realmente contro” siano un mucchietto che non contagia, che Parma la Rebelde preferisca indignarsi su facebook, che il climatizzatore non refrigera la piazza e l’afa fiacca il cambiamento.

Per un attimo s’è accarezzata l’idea che questa città si ricordasse di Guido Picelli e delle Barricate del ’22, passando per la Resistenza, tempi e talenti durante i quali l’indignazione era un modo di essere, la ribellione un gesto istintivo. Chi si aspettava una epidemia di coraggio e partecipazione è rimasto a bocca asciutta, c’è un’altra estate che incalza, ormai s’è prenotato e se non vai paghi pure la penale.
L’onda è rimasta una promessa di tsunami non mantenuta, è stato un grido che ha fatto solo tremare le finestre del palazzo, subito protetto in tenuta antisommossa dalla polizia confusa: siamo qui per respingere chi vuole entrare o per catturarli tutti mentre sono dentro?
Il sindaco Vignali ha perso qualche assessore, soldati semplici che il mercato dell’usato rimpiazza a poca spesa, le indagini vanno avanti, il palazzo regge, la città tollera e se glielo chiedi… s’indigna, offesa da retorica domanda.
Quante parole sferzano il potere, il vento cambia ma non soffia mai troppo forte per abbattere i mulini. Parma incarna il Paese Italia: il tempo per indignarsi era prima, quando il fiume era dentro al letto. Ora che quel letto non basta più, la grande ammucchiata deve sperare che gli argini tengano la piena.
E’ tempo di pagare il nostro sonno e di ripartire da zero, la stessa velocità alla quale ci muoviamo da troppo tempo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

A Marzabotto in tempi di crisi

prev
Articolo Successivo

La Bologna ideale (forse)

next