E’ un fiume in piena Renato Farina, deputato Pdl ed ex vicedirettore di Libero, radiato dall’ordine dei giornalisti per aver collaborato coi servizi segreti italiani ed aver pubblicato notizie false in cambio di denaro. La terza sezione civile della Cassazione successivamente ha annullato la radiazione da parte dell’Ordine dei Giornalisti, perché illecita. Farina, infatti, si era precedentemente dimesso dall’Ordine dopo lo scoppio della storia dell’agente Betulla, ergo la radazione non aveva ragion d’essere. L’agente Betulla si lagna del fatto che nessuno lo invita nei talk show politici, eccezion fatta per Parenzo. E così si lamenta a “La Zanzara”, spaziando su svariati argomenti e denunciando fatti gravissimi. Uno su tutti: molti cronisti italiani sono al soldo dei servizi segreti. “Io so i nomi di diversi giornalisti applicati nel Sismi, e loro sì che prendono i soldi”. E ancora: “Il denaro che mi arrivava non era destinato a me, ma serviva per alcune operazioni: io a volte temevo per la vita delle persone cui facevo arrivare i soldi, e allora dicevo che erano per me. Un esempio? Il recupero del filmato di Giuliana Sgrena dall’Iraq, quello che è arrivato in Italia e dimostrava che era viva: ecco quello è stato pagato con una parte di quei soldi, con 10 mila euro. Ma io non potrei dirlo neanche adesso perché è un segreto di Stato”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bersani: “Berlusconi tace e il Paese è senza guida”

prev
Articolo Successivo

Israeliani e palestinesi marciano uniti per la pace

next