Quel licenziamento non fu antisindacale: il Tribunale di Melfi ha accettato, poco fa, il ricorso presentato dalla Sata contro il reintegro dei tre operai licenziati un anno fa nello stabilimento lucano della Fiat. La decisione del Giudice, Amerigo Palma, è arrivata al termine dell’ultima udienza che si è celebrata questa mattina a porte chiuse. Davanti al Tribunale, sin dalle prime ore si era radunato un nutrito gruppo di militanti e dirigenti della Fiom-Cgil, il sindacato delle tre tute blu protagoniste della vicenda.

La storia di Giovanni Barozzino, Antonio Lamorte e Marco Pignatelli inizia la notte tra il 6 e il 7 luglio 2010. Nel corso di uno sciopero, ai tre viene contestato di aver bloccato un carrello e di fatto interrotto la produzione. Dal giorno successivo non viene consentito loro l’ingresso in fabbrica, fino al licenziamento che arriva nove giorni dopo. Per la Fiom quel provvedimento è antisindacale. La pensa così il Giudice del Lavoro di Melfi, Emilio Minio, che il 10 agosto 2010 rimette in servizio i tre con un decreto di urgenza: “Il licenziamento appare sproporzionato e illegittimo”. La Fiat non ci sta, presenta ricorso e, intanto, chiede alle tre tute blu di starsene a casa.

In alternativa, propone il “confino” nello stesso stabilimento, nonostante le parole del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano: “Il mio vivissimo auspicio – che spero sia ascoltato anche dalla dirigenza della Fiat – è che questo grave episodio possa essere superato, nell’attesa di una conclusiva definizione del conflitto in sede giudiziaria”. Si andrà avanti così, con i tre operai costretti a trascorrere le loro ore di lavoro al chiuso di una stanzetta, senza poter stare sulle linee di produzione. Fino alla sentenza di oggi che dà ragione a Fiat, che da sempre ha respinto le accuse di un “licenziamento politico”. Ora, la Fiom attende di conoscere le motivazioni ma già annuncia ricorso in Appello. Per gli operai, che ora dovranno nuovamente lasciare il loro posto di lavoro, c’è un’altra chance: sulla legittimità del provvedimento, se cioè quella decisione fu adeguata o spropositata, deciderà un nuovo procedimento già avviato, individualmente, dalle tre tute blu.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

E’ in coma da un anno e mezzo
Licenziata: “Intralcia l’attività lavorativa”

prev
Articolo Successivo

Manovra, Cgil: “I tagli costeranno 1800 euro l’anno ai lavoratori”

next