Vauro è costretto a impratichirsi in fretta del nuovo telefono fornitogli per imbarcarsi sulla nave per Gaza. “Se ci fermano gli israeliani, ci portano via tutto, documenti e mezzi di comunicazione, meglio avere con sé solo vuoti a perdere”.

Appena arrivato ad Atene il cellulare del disegnatore satirico e organizzatore della Flottiglia italiana viene tempestato di chiamate per risolvere dettagli più o meno grandi: la partenza si avvicina, anche se non è ancora certo il luogo e l’ora; ci si tiene pronti a partire per Corfù, che potrebbe essere la prima tappa di avvicinamento alle coste mediorientali della “Stefano Chiarini”, l’imbarcazione di 30 metri acquistata dagli organizzatori della Flottiglia e ribattezzata con il nome del giornalista del Manifesto e attivista, alla cui memoria è in qualche modo dedicata la missione italiana.

Negli alberghi attorno all’Acropoli (e non lontano da Piazza Syntagma, controllata dalla polizia greca in attesa delle manifestazioni per lo sciopero nazionale di oggi e domani) gli attivisti tedeschi, francesi, svizzeri, americani, canadesi si preparano per il viaggio. “Che potrebbe iniziare nei prossimi giorni”, dicono alcuni degli organizzatori: li porterà di certo di fronte a Gaza “città assediata” e forse – ma dipenderà dalla marina israeliana – fino alla costa: tutti hanno in mente la strage compiuta l’anno scorso per bloccare la prima Freedom flotilla.

A bordo ci saranno anche giornalisti israeliani, testimoni del nuovo tentativo, tutto “all’insegna della pace”, di portare aiuti umanitari alla popolazione palestinese.

“Di Stefano sono stato testimone di nozze e mi fa una certa impressione salire su una nave con il suo nome”, spiega Vauro, che con questo viaggio conferma la sua attitudine a partecipare attivamente alle iniziative in cui crede: “L’impegno per me ha senso se si va a vedere, a testimoniare con la propria presenza: ero a Gaza nell’87, durante la prima Intifada, quando in città non sapevano nemmeno cosa fosse un kamikaze”. Quasi 25 anni dopo l’impegno si rinnova, “perché le cose non sono cambiate, anzi. È vero che in questi giorni c’è chi parla di miglioramenti a Gaza, ma mi pare tutto relativo: se si parte dalle macerie, anche un muro riparato può sembrare un miglioramento. Ma è anche della situazione psicologica della società di Gaza che bisogna tener conto; è ancora una prigione a cielo aperto ormai da una generazione, una generazione bruciata dalla violenza che pare senza scampo”. Per questo forzare “anche solo simbolicamente il blocco navale – che più di un atto simbolico non è possibile e non si vuol fare – è importante per dare un segnale di altre possibilità e di un’altra condotta, più umana”, per riprendere il motto dell’attivista Vik Arrigoni ucciso a Gaza in primavera.

Nelle ultime ore pare siano i militari israeliani a frenare i politici di Gerusalemme, facendo sapere che non ci sono problemi nel carico delle navi umanitarie (cemento per costruzioni, medicinali, materiale scolastico), meglio però non farsi cogliere impreparati: “Andiamo a comprare i tappi per le orecchie – consiglia Vauro – gli venisse voglia di tirarci qualche bomba sonora”.

Il Fatto Quotidiano, 28 giugno 2011

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, in Iraq e Afghanistan spese folli
20 miliardi di dollari per rinfrescare i soldati

next
Articolo Successivo

Fmi, Christine Lagarde eletta
nuovo direttore generale

next