Una valanga di ‘sì’ è il risultato dei cinque referendum civici di Milano per le politiche sul traffico, l’ambiente e la qualità della vita, che già ieri sera avevano ricevuto la sanzione della loro validità per aver raggiunto il quorum del 30 per cento. Quasi un milanese su due si è espresso in questa consultazione ecologista e, quando è stata scrutinata la quasi totalità delle 1.251 sezioni cittadine, i pareri favorevoli hanno travolto di larghissima misura quelli contrari con punte del 95 per cente, scese all’80% solo sulla domanda che chiedeva l’estensione di Ecopass.

Proprio il quesito destinato a suscitare maggior dibattito in città, quello che propone l’inasprimento del ticket antismog, ha fatto segnare (alle 23, quando mancano appena 17 sezioni da scrutinare) il 79,12 per cento di sì contro il 20,88 dei no. Per gli altri temi della consultazione, vale a dire il raddoppio degli alberi in città, la conservazione del futuro parco di Expo, il potenziamento delle politiche per l’efficienza energetica nell’edilizia e la tutela della Darsena, i sì hanno raggiunto livelli plebiscitari, tutti superiori al 95 per cento.

Adesso, l’amministrazione avrà da regolamento due mesi di tempo per adottare provvedimenti in linea con gli indirizzi espressi dai cittadini con la consultazione referendaria.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

L’adorabile declino
di Mister Priapino

next
Articolo Successivo

Ballottaggi in Sicilia, il centrosinistra
porta a casa sette comuni su undici

next