Il quorum per i referendum del 12 e13 giugno “non è facile da raggiungere” , per questo “lunedì pomeriggio alla chiusura dei seggio depositeremo ricorso alla Cassazione perché sollevi conflitto d’attribuzione alla Consulta in merito alla questione del voto degli italiani all’estero”. Lo annuncia Antonio Di Pietro, in un’intervista a Repubblica Tv, spiegando: “Se si pensa al conteggio dei più di 3 milioni di italiani che sono all’estero, il quorum passa, di fatto, dal 50+1 al 58 per cento”, ha detto il leader dell’Italia dei Valori.

Il leader Idv invita quindi la Cassazione a non conteggiare, per il raggiungimento del quorum, i cittadini che non si trovano in patria. Saranno “proprio quei voti a fare la differenza: oltre il 50 per cento noi ci arriviamo, al 58 per cento no”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PERCHÉ NO

di Marco Travaglio e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

2 giugno, Berlusconi fischiato all’Altare della Patria

next
Articolo Successivo

Berlusconi, 22 giugno verifica alla Camera

next