Il presidente della commissione di Vigilanza Sergio Zavoli

Dopo il via libera della Corte di Cassazione al quesito referendario sul nucleare, la battaglia dell’opposizione per le consultazioni dirette del 12 e 13 giugno passa anche per la comunicazione televisiva. E un assist ai pro-referendum arriva in mattinata dall’Autorità garante per le Comunicazioni. Che ha richiamato la Rai affinché collochi i messaggi autogestiti sul referendum in modo da “garantire l’obiettivo del maggior ascolto”. Un interesse sostenuto anche dal presidente della Commissione parlamentare di Vigilanza Rai, Sergio Zavoli, che si è rivolto al nuovo direttore generale, Lorenza Lei. Per l’Agicom, L’atteggiamento della tv pubblica è al momento “non conforme ai principi del regolamento”, secondo la commissione Servizi e prodotti dell’organismo. La decisione dell’autorità garante per le comunicazioni arriva dopo l’esposto presentato dall’opposizione. A preoccupare è la possibilità che il referendum possa non raggiungere il quorum, complice anche la scarsa informazione dei cittadini.

Da qui fino al 12 e 13 giugno, sulla Rai vigilerà l’Agcom, si scrive nel richiamo. Un controllo che riguarderà non solo l’osservanza del richiamo stesso – “attraverso il monitoraggio della programmazione” – ma anche “l’invito già rivolto alla Rai ad incrementare l’informazione sui referendum”. Se la tv pubblica non dovesse ancora rispettare il regolamento, avverte l’autorità garante, l’organismo “adotterà i conseguenti provvedimenti previsti dalla legge”.

Ma lo stimolo a una maggiore informazione sui diversi quesiti e alle indicazioni di voto sulle rispettive materie viene anche dall’interno dell’azienda. A sollecitare il nuovo dg, Lorenza Lei, è il presidente della Commissione parlamentare di Vigilanza Rai. Riportando le lamentele dei Comitati pro-referendum, Zavoli ha sostenuto “l’esigenza di intensificare le tribune referendarie a ridosso della data delle votazioni e una maggiore informazione nei telegiornali, radiogiornali e programmi di approfondimento”. Messaggi che dovranno avere “un’equa ripartizione e visibilità tra i favorevoli e i contrari” e un maggiore coinvolgimento dei Comitati promotori, ritenuti “unici realmente legittimati a illustrare le motivazioni che hanno portato alla richiesta e all’organizzazione delle specifiche consultazioni tramite referendum”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

PERCHÉ NO

di Marco Travaglio e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Nucleare, attesa oggi la decisione
della Corte di Cassazione sul referendum

next
Articolo Successivo

Nucleare, la Cassazione dice sì
al referendum del 12 e 13 giugno

next