Una forte esplosione è stata udita questa mattina nel centro di Tripoli nel quartiere dove si trova la residenza del colonnello Muammar Gheddafi. Obiettivo del raid era una caserma dell’Esercito libico a poca distanza dal bunker del rais. I muri portanti sono in parte crollati, e sono andati distrutti i magazzini ospitati all’interno del complesso. Nel frattempo da Bruxelles fonti alleate riservate hanno precisato che i precedenti raid notturni avevano preso di mira una postazione di comando e controllo, anch’essa situata in prossimità della struttura fortificata dove vive il leader libico, e alcuni depositi di veicoli militari.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La “primavera spagnola” arriverà in Italia?

next
Articolo Successivo

Barcellona, plaza Catalunya resta nelle mani degli “indignados”

next