Tocca alla musica unire le due città che si preparano al ballottaggio del prossimo fine settimana. Roberto Vecchioni, dopo la performance pro Pisapia di Milano, si esibisce a Napoli a sostegno del candidato sindaco Luigi De Magistris, in una piazza Dante gremita. Fin dal pomeriggio accorrono i sostenitori dell’ex pm, ma anche chi, al primo turno, non ha votato. In tanti rimarcano la differenza più evidente tra i due candidati. “La cosa – racconta una signora – che più non mi convince di Lettieri? Cosentino e ho detto tutto”. La piazza si riempie e accoglie il ‘concittadino’ Vecchioni. “Sono anche io napoletano – racconta il cantautore dal palco – i miei genitori sono nati in questa città. Luigi mi ha chiamato due giorni fa, ho cancellato tutti gli impegni per venire e stare insieme a voi”. Vecchioni cita Pericle e il suo ‘discorso agli ateniesi’ e conclude la lettura con una battuta: “ Tutto questo Berlusconi non lo sa”. La musica di Vecchioni scuote la piazza, si inizia con ‘Sogna ragazzo sogna’, una specie di manifesto per la generazione di ventenni che circonda De Magistris e lo accompagna in questo tour elettorale.

“Bisogna pensare quasi esclusivamente ai giovani – racconta Vecchioni al fattoquotidiano.it – oggi sono le cenerentole di questa società, occorre restituirgli speranza di futuro”. C’è spazio anche per un fuori programma quando la piazza intona ‘Bella Ciao’, Vecchioni non si sottrae e canta insieme alla gente. Il cantautore si congeda con ‘Luci a San Siro’, una traccia canora che è un filo per unire Napoli a Milano. “Da queste città – ricorda Vecchioni – possono partire due rivincite clamorose, rappresentative di un disagio del popolo italiano. Come a Milano con Pisapia, anche a Napoli Luigi rappresenta il nuovo. Una novità straordinaria per questa città. Una novità che riesce ad andare oltre gli schemi di destra e sinistra”.

Dopo Vecchioni spazio al candidato sindaco Luigi De Magistris che lancia la campagna ‘Adotta un astenuto’ in vista del ballottaggio e saluta la piazza chiedendo un impegno collettivo in vista del rush finale. La serata si chiude con l’artista Enzo Avitabile e i bottari, le sonorità del Sud incrociano una città che attende il suo riscatto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“L’aggressione a Franca Rizzi? Non è mai avvenuta”

prev
Articolo Successivo

Grasso: “Come dialogare con chi chiama i magistrati golpisti?”

next