Risultato scontato a Bologna con l’entusiasmante vittoria al fotofinish di Virginio “Brenson” Merola. Essere eletto subito o tra quindici giorni non avrebbe cambiato niente, il sindaco è lui e qui a Bologna lo sapevamo già tutti, mica come a Milano di cui ai petroniani bolognocentrici interessa ben poco.  Gli umarells, le zdaure, i fedelissimi di tutte le età con o senza il naso tappato lo hanno votato in massa per paura della Lega, un partitino sopravvalutatissimo che in città fa un misero 10,72%, un elettorato composto da ecs cinni scurzoni , amanti del barbechiù che non hanno ancora avuto il coraggio di andare a vivere nell’interlend (non nei quartieri di Casalecchio o di San Lazzaro, parlo d’altro e avete capito di cosa) perché sanno come peggiorerebbe la qualità della loro vita, perennemente a bordo di automobili per andare e tornare dal lavoro e per fare qualsiasi cosa.

Altro che i pancabbestia, il degrado, i vraiters, il CIVIS, i tornelli, Aiutami signore che sono messo male o il venditore nero di favole africane dagli occhi smisurati. E si sfogano nell’urna votando la lega. Sono scelte e vanno rispettate, ma anche no.

Il demonio da abbattere del pidì, il Bin Laden al ragù era Manes Bernardini, il classico ragazzo pasta e fagioli della porta accanto della villetta a schiena dell’interlend (infattis micas vives a Bolognas Manes) che osa opporsi allo strapotere umarellico e addirittura ai fighetti del quartiere Santo Stefano del Pidielle, partito ben più pericoloso della Lega (infatti ha preso il 16,60%) . Ovviamente Manes ha persos e la pagherà tuttas, la pagherà caras.

Nemicissimo dell’elettorato brensoniano era l’astensionismo, una massa di individui non votanti pari al 27,2% (senza contare 3.574 schede nulle e 1.702 bianche) della popolazione tortella, il secondo partito della città di cui non parla nessuno perché è meglio non parlarne e va bene così a tutti quanti, anche al Movimento 5 Stelle, quelli ispirati agli alberghi strafighi, gli unici capaci di catturare le simpatie e i voti dei borderlain, degli adultolescenti e dei maicresciuti dai venti ai quarantacinque anni. Obiettivo: rompere i maroni in consiglio comunale, filmare e mettere on lain le varie amenità che non mancheranno. Molto 2.0, molto popolo di Iutiub, molto Paperissima, molto Iene. Staremo a vedere con le mani dietro la schiena il loro operato.

Degli altri aspiranti a un posto di lavoro a tempo determinato non stiamo neanche a parlarne, hanno perso tutti e qualcuno dovrà trovarsi un impiego, pazienza. Almeno ci hanno provato. Fine.

Ha vinto Virginio “Brenson” Merola, è lui il sindaco, è lui quello che ci metterà la faccia, è lui il numero uno, anche se lo sappiamo tutti che il vero sindaco di Bologna è Maurizio Cevenini, un eroe dei nostri tempi. Oltre 10.000 preferenze. Il solito trionfo.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Candidato con Lega e Pd in due città diverse: gli elettori lo bocciano di qui e di là

next
Articolo Successivo

M5S, guida per opinionisti negligenti

next