Siamo già in piena sindrome Chernobyl (o chiamiamola Hiroshima, con l’ironia di un paese sconfitto a suon di atomiche che si affida al nucleare – perché privo di materie prime) – tanto vale approfittarne, vista l’assenza di persone con atteggiamento laico ed equidistante: lasciamoci perciò prendere dall’emotività: ne abbiamo a bizzeffe di tromboni apocalittici o taumaturgici; l’imperativo ora sembra non dar modo e tempo di capire e misurare la realtà.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Pd senza futuro? Forse non è neanche nato

next
Articolo Successivo

Ultime ore al ‘Sole’ per Gianni Riotta
“I love you ragazzi”

next