Siamo già in piena sindrome Chernobyl (o chiamiamola Hiroshima, con l’ironia di un paese sconfitto a suon di atomiche che si affida al nucleare – perché privo di materie prime) – tanto vale approfittarne, vista l’assenza di persone con atteggiamento laico ed equidistante: lasciamoci perciò prendere dall’emotività: ne abbiamo a bizzeffe di tromboni apocalittici o taumaturgici; l’imperativo ora sembra non dar modo e tempo di capire e misurare la realtà.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Pd senza futuro? Forse non è neanche nato

next
Articolo Successivo

Ultime ore al ‘Sole’ per Gianni Riotta
“I love you ragazzi”

next