E’ salito a 10 morti il bilancio degli scontri avvenuti ieri sera al Cairo tra cristiani copti e musulmani salafiti. Lo ha annunciato una fonte governativa egiziana citata dalla tv satellitare al-Arabiya.

Il ministero della Sanità del Cairo ha fatto inoltre sapere che negli scontri avvenuti ieri sera nel quartiere di Moqattem al Cairo sono rimaste ferite anche 110 persone. I feriti, ha spiegato Sherif Zamel, capo del dipartimento delle urgenze del ministero della Sanità, sono stati ricoverati in dieci ospedali del Cairo, fra i quali l’ospedale italiano e quello angloamericano.
Zamel ha spiegato che i feriti mostrano lesioni da arma da fuoco, fratture al corpo e contusioni in testa. Il ministero ha anche detto che due dei feriti ricoverati in nottata all’ospedale Kasr El Aini, nel centro del Cairo, sono fuggiti.

Ieri i copti si sono ritrovati per il terzo giorno consecutivo davanti alla sede della radiotelevisione pubblica egiziana. Contemporaneamente, un gruppo di salafiti inscenava una protesta sotto gli uffici del governo nel centro del Cairo, tirando in ballo il caso di una giovane cristiana, sposata con un religioso copto, che sarebbe sparita dopo essersi convertita all’Islam. Un caso che in passato è stato usato anche da al-Qaeda come pretesto per giustificare le stragi contro i cristiani in Iraq.

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

×

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Libia: cosa intende fare il governo italiano?

prev
Articolo Successivo

Texas, diventa obbligatoria per legge l’ecografia prima di un aborto

next