Nasce al Senato un nuovo gruppo parlamentare. Si chiama “Coesione nazionale” e vi confluiscono alcuni senatori che hanno lasciato Fli tra cui l’ex capogruppo dei Finiani a Palazzo Madama Pasquale Viespoli. La formalizzazione e la presentazione del gruppo avverranno la prossima settimana.

Del gruppo, oltre a Viespoli, fanno parte i senatori Franco Cardiello (Pdl), Maria Pia Castiglione (Pid), Giuseppe Menardi (ex Fli), Pasquale Nessa (Pdl), Elio Massimo Palmizio (Pdl), Salvatore Piscitelli (Pdl), Adriana Poli Bortone (ex gruppo Udc-Autonomie), Maurizio Saia (ex Fli) e Riccardo Villari (Misto).“In una fase cruciale della vita politica – si legge in una nota – è necessario aprire un confronto alto ed impegnativo per rinnovare il centrodestra italiano. ‘CN’ intende contribuire con un profilo di autonomia positiva con spirito critico e forza dialettica ma saldamente dentro l’area politica e culturale del centrodestra e della maggioranza, rifuggendo da posizioni pregiudizialmente antagoniste e velleitariamente alternative. E’ altresì fondamentale contribuire alla coesione tra nord e sud anche attraverso la valorizzazione di quei movimenti impegnati in questi anni ad interpretare le specificità territoriali in un quadro nazionale unitario”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Parola di Fassino

prev
Articolo Successivo

Bersani: “Da Berlusconi schiaffo inaccettabile alla scuola pubblica. La Gelmini si dimetta”

next