Diventa “mondiale” la tesi dell’Italia sul debito privato e sul suo inserimento fra gli indicatori per calcolare se un paese provoca squilibri all’economia mondiale. Lo ha affermato il Ministro dell’Economia Giulio Tremonti al termine dei lavori del G20.

“Parigi val bene una messa. E’ stato un G20 di ordinario lavoro, in fase di relativa normalità”, ha detto Tremonti al termine del G20 finanza rilevando con soddisfazione come sia “passata la tesi giusta che per inciso è anche la tesi italiana: devi valutare stabilità sistema che è fatto da varie cose, da debiti pubblici ma anche private”.

Per Tremonti “in questi mesi c’è stata la tendenza a considerare importanti le pubbliche e ignorare le private come se tutte le colpe erano dei governi e le virtù delle banche e la finanza. E’ passata la linea che considera tutte le cose unite. Non è più la tesi italiana o una invenzione del governo è posizione di tutti i governi”. Il nostro paese , ha ricordato, “ha un grande debito pubblico ma anche un minimo debito privato, questa è la posizione giusta”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Moratti in Borsa, il caso
è chiuso. Senza colpevoli

prev
Articolo Successivo

Debito e crescita, a cosa (non)
serve l’intesa del G20

next