“No a Berlusconi, io protesto contro il nostro presidente del Consiglio e continuerò a farlo”. E’ il “ragazzo di Salò”, l’85enne Mirko Tremaglia, a scaldare davvero la platea. Il ricordo di Giorgio Almirante e quel “ci sarò sempre, con Fini questo partito può vincere” hanno spinto tutti ad alzarsi e applaudire. Anche Fini, quasi commosso, è andato incontro a Tremaglia per abbracciarlo e ringraziarlo. Per il resto, la seconda giornata dell’assemblea costituente di Futuro e Libertà è stata contraddistinta più da ciò che accade dietro il palco. Nelle stanze dove da ieri deputati e senatori si riuniscono per trovare un’intesa sui vertici del partito che qui deve nascere. Ma sembra difficile che i nodi si sciolgano entro la chiusura dei lavori di domani.

Anche la nomina di Italo Bocchino a coordinatore nazionale, che sembrava certa, rimane aperta con la discussione sul capogruppo alla Camera e sul portavoce. “Dobbiamo solo parlare – dice Fabio Granata ma certo è che tutte le persone che sono qui arrivano attraverso il lavoro fatto con Generazione Italia, creatura di Bocchino, Briguglio e mia. Quindi mi sembra ovvio quale ruolo debba avere Italo”. Adolfo Urso, indicato da alcuni come possibile futuro capogruppo, nega ogni attrito interno e ribadisce che “questa è l’assemblea costituente e non il congresso del partito. Ci struttureremo sicuramente nel miglior modo possibile e con la più ampia condivisione”. All’ipotesi di Bocchino coordinatore si sono opposti i senatori di Fli. Ma senza troppe “tragedie”, dice Viespoli. “Ora servono guide di transizione al congresso, quindi chiunque sia indicato ora è transitorio. La cosa migliore a mio avviso è chiamare più energie possibili intorno alla leadership, poi al congresso si vedrà”.

L’unica certezza al momento è che ancora è tutto da decidere. Stasera Fini andrà a cena con cinque fedelissimi e indicherà nomi e linea da tenere, almeno fino a domani. Giornata conclusiva dell’assemblea costituente che, per quanto attesa per far nascere il partito, darà alla luce una nuova destra che si entusiasma con Tremaglia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il mutandone di Giulianone

next
Articolo Successivo

Fini svuota il Pdl e sfida Berlusconi: “Dimettiamoci e andiamo a votare”

next