La terza pagina di Le Monde di ieri è interamente dedicata alla protesta delle donne italiane e al loro scendere in piazza per chiedere le dimissioni di Silvio Berlusconi, premier dai comportamenti – a dir poco – lesivi della dignità femminile. Philippe Ridet, corrispondente da Roma del quotidiano francese, riporta un pensiero di Francesca Comencini: «In Italia abbiamo avuto il più grande movimento femminista d’Europa, ma non c’è stato un passaggio generazionale». Che le nuove generazioni siano meno disposte a farsi coinvolgere si è visto per esempio in piazza Scala a Milano, lo scorso 29 gennaio: la stragrande maggioranza delle manifestanti era costituita da ultraquarantenni, pochi i volti giovani, anche se i più fotografati e ripresi dalle telecamere. Che le giovani donne abbiano già abbastanza problemi con la riforma universitaria, la ricerca del lavoro e il sabato preferiscano fare altro che manifestare?

L’articolista cita un sondaggio pubblicato da Repubblica: solo il 37 per cento delle donne italiane fra i 18 e  29 anni considera il comportamento di Berlusconi “irrispettoso” verso le donne.

Mi piacerebbe essere smentita da tante ventenni e trentenni, in piazza nel prossimo appuntamento del 13 febbraio.

Tutti gli appuntamenti città per città, da Acqui Terme a Viterbo, qui

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Italia condannata per l’ennesima volta
dalla Corte Europea dei diritti dell’Uomo

next
Articolo Successivo

Caro Severgnini,
non la seguo

next