Sabato 29 gennaio

– Bocchino lancia l’idea di contrapporre a Berlusconi, come leader del Terzo Polo, una donna. Giusto: se non puoi batterlo, fattelo amico. – Le intercettazioni di Ruby sono costate solo 25mila euro. E’ a farla stare zitta che costa caro. – Lettera riservata di Napolitano ai ministri: non vedeva l’ora di firmare qualcosa.

Domenica 30 gennaio

– Il PdL annulla la manifestazione contro i pm prevista per il 13 febbraio in Piazza Duomo. Berlusconi rischiava di perdere la faccia per la seconda volta. – Egitto, Tunisia e Algeria in rivolta contro i propri governi. Stabile, invece, la situazione in Italia Saudita. – Interrogatorio a sorpresa della Minetti, che si è avvalsa per tre volte della facoltà di non rispondere. E una della facoltà di rispondere, ma con le dita incrociate dietro la schiena.

Lunedì 31 gennaio

– El Baradei incita la folla: “Vogliamo la fine del regime e l’inizio di una nuova era!” Parole che vorremmo sentire anche da El Bersanei. – Un black-out ha oscurato oggi le reti RAI. Ma chi stava guardando il TG1 non se n’è accorto. – Il PD respinge la proposta di Berlusconi di un Governo bipartisan. D’Alema si è messo il cerotto per smettere di incuciare.

Martedì 1 febbraio

– L’IdV denuncia l’assenza del Governo italiano sulle questioni egiziane. E’ troppo impegnato sulle cose turche.

– Arcore. Ora gli inquirenti parlano anche di cocaina. Allora ha ragione mia mamma che gli Spinelli sono solo l’inizio.

– Secondo un sondaggio, gli Italiani si svegliano in media alle 6:49. Ma sarà sempre troppo tardi.

Mercoledì 2 febbraio

– Ruby è incinta. Non si conosce il nome del Papi.

– Napolitano: “Stop alla spirale di contrapposizioni”. Berlusconi: “Stop alla spirale anti-istituzionale”. Paparatzinger: “Stop alla spirale!”

– Il Premier intervistato dal TG1. Fortuna ha voluto che gli abbiano chiesto un argomento a piacere.

Giovedì 3 febbraio

– La Camera respinge la richiesta di perquisizione domiciliare nei confronti del Premier. Ai pm non resta che farsi mettere in lista da Lele Mora. – Napoli. L’ombra della Camorra sulle primarie del PD. Ancora una volta, la sinistra partenopea ha fatto le cose a cazzo di clan. – A Kiev, molte donne si sono messe in topless contro il Governo. Lo hanno fatto anche in Italia, ma erano quelle a favore.

Venerdì 4 febbraio

– Il decreto sul Federalismo viene respinto dal Capo dello Stato, ma Berlusconi tranquillizza la Lega: “Non c’è problema. Chi sa fare la firma di Napolitano?”

– Berlusconi annuncia l’arrivo nella maggioranza di altri 4 parlamentari. Tre dei quali saranno interpretati da Barbareschi.

– D’Alema sostiene che uno schieramento che va da Fini a Vendola, passando per Bersani e Casini, avrebbe ottime probabilità di successo. E se si riesce ad allargare anche a Berlusconi hanno fatto bingo!

di Dario Vergassola e Marco Melloni

Da il Misfatto del 6 febbraio 2011

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Apocalypse Now

next
Articolo Successivo

Pravettoni: “Mi candido alle primarie e sfido La Qualunque”. E l’euro si impenna!

next