Dalle 227 pagine di nuove carte trasmesse oggi dalla procura di Milano alla Giunta per le autorizzazioni a procedere della Camera, emergono rivelazioni sconvolgenti. Intercettazioni, sms e soprattutto documenti sequestrati alle “arcorine” durante le perquisizioni del 14 gennaio nelle abitazioni delle ragazze. Negli appunti manoscritti trovati nell’abitazione genovese di Ruby si parla di diamanti e di 4 milioni e mezzo di euro in arrivo dal premier.  Le cifre di cui oggi si ha riscontro attraverso le carte, erano già venute fuori durante una conversazione telefonica quando Ruby aveva raccontato al padre: “Io ho parlato con Silvio e gli ho detto che ne voglio uscire con qualcosa: 5 milioni. Cinque milioni a confronto del macchiamento del mio nome…”. E ancora: “Non siamo preoccupati per niente perché Silvio mi chiama di continuo. Mi ha detto ‘cerca di passare per pazza, racconta cazzate’ “. E in cambio? “Lui mi ha chiamato – racconta la giovane marocchina in un’altra telefonata – dicendomi ‘Ruby, ti do quanti soldi vuoi, ti pago, ti metto tutto in oro, ma l’importante è che nascondi tutto. Non dire niente a nessuno ”.

Ecco gli appunti di Ruby sequestrati dagli inquirenti

Sequestro Ruby 14/11
Diamanti
50 mila per il libro
12.000 campagna intimo
200000 da Luca Risso (suo fidanzato, ndr)
70 mila Conservati da Di Maria
170 mila conservati da Spinelli (tesoriere di B., ndr)
4 milioni e mezzo da Silvio Berlusconi che ricevo tra due mesi
29/10/2010 rinuncia avvocato giuliante
29/10/2010 nomina avvocato di maria

Ma non ci sono solo i conti di Ruby. Ecco gli appunti dell agenda di un’altra ragazza.

Agenda febbaio 6 andare da papi
febb 26 andare da nicole
Febra 27 andare da papa
7 marzo Papi, 2000
13 marzo papi, 2000
5 aprile, 2000 euro
17 aprile papi, 2000
25 aprile, 2000
22 maggio papi
Silvio 39335xxxx
5 giugno papi, 2000

(ER)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ecco cosa ci aspetta

prev
Articolo Successivo

Shoah, Napolitano parla agli studenti
“Il ricordo dei lager deve restare vivo”

next