Lo scandalo Minetti (Nicole Minetti, l’ex igienista dentale di Berlusconi promossa consigliere regionale e vestale delle serate Bunga Bunga) ne ha fatto riemergere un altro: quello del listino Formigoni (nel quale la Minetti è stata eletta) contestato e denunciato a suo tempo dai radicali per evidenti irregolarità nelle firme e nelle autentiche. I radicali presentarono le prove materiali: 600 firme palesemente false (molte chiaramente vergate dalla stessa mano). Ma nulla accadde, anzi: il Tar dichiarò inammissibile il ricorso e la Procura, fino ad ora, non è intervenuta.

Nel frattempo, si è saputo che Formigoni, lo stesso che oggi rispetto al caso Minetti invita a non emettere giudizi avventati ma a «lasciar lavorare i giudici», allora «quando altri giudici, quelli dell’ufficio elettorale, avevano constatato l’irregolarità delle sue firme, più che lasciarli lavorare si preoccupò di avvicinarli via P3 e di mandargli contro gli ispettori di Alfano».

Lo ricorda Emma Bonino in un’intervista a Repubblica-Milano. E fa molto bene. Come si suol dire, il pesce puzza dalla testa, e se la testa del governo è Berlusconi, quella della Regione è Formigoni.

Il quale, ora, per Nicole non muove un dito, anzi, si chiama fuori: la Minetti? «Me l’ha raccomandata Belusconi» dice. Il che è assolutamente credibile. Ma non l’assolve dall’averla messa in lista, e con quelle modalità. Anche se, con il senno di poi, il governatore probabilmente si mangia le mani per la sua condiscendenza verso il capo e le sue debolezze. Non gli fa comodo, proprio no, che lo scandalo del listino torni a galla proprio ora, quando con Tremonti è in corsa per sostituire il vecchio capo nel voto e nel cuore degli italiani, anche se non in quello delle sue donnine.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

No alla legge blocca-pm

next
Articolo Successivo

Muzio Scevola Casini

next