Milleproroghe. Nomen omen.

Milleproroghe è un termine che è entrato di prepotenza nel linguaggio giornalistico-politico italiano. Indica un decreto-calderone che, a fine anno, il Governo approva per sistemare tutta una serie di questioni lasciate in sospeso.
Si dà per scontato che esista, questo milleproroghe – che, ogni tanto, viene accompagnato anche dalla dicitura millederoghe – come se facesse parte della normale vita politica italiana. Da sempre.

Il che, lo rende emblema del nostro Paese allo sbando, per almeno tre ragioni.

Primo. La necessità di prorogare. E ogni tanto di derogare, di condonare, di fare scudi fiscali e via dicendo.
Secondo. La scarsa memoria storica. Il milleproroghe esiste solamente dal 2005. E’ stato proposto in quell’anno, governo Berlusconi, per risolvere una serie di questioni urgenti. E poi replicato, con logica bipartisan. Evidentemente, ci si accorse che faceva comodo. Eppure, se ne parla come se fosse sempre esistito.
Terzo: il Parlamento commissariato. Il decreto Governativo da approvare velocemente nel periodo natalizio, prima che sia troppo tardi, è la prova – se ancora ce ne fosse bisogno – che il Parlamento è di fatto bloccato nei suoi lavori, da anni. E che tutta una serie di questioni sulle quali sarebbe opportuno legiferare nel corso dell’anno, devono essere risolte (o magari prorogate o derogate) con urgenza. In emergenza. Con un decretone di stampo governativo, che nasce senza dibattimento parlamentare e che poi deve essere convertito in legge.

E qui, accade la meraviglia. Perché sul Milleproroghe non si può mai essere certi, finché non è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale. O addirittura, finché non è stato, finalmente, convertito in legge – cosa che accadrà entro febbraio dell’anno prossimo.
Così, capita, per esempio, che nel Milleproroghe non ci sia la sospensione delle tasse per gli aquilani promessa da Berlusconi – persino Vespa se n’è accorto, a Porta a porta, e ha ricordato a chi si occupa di queste cose di provvedere per non far fare brutta figura al premier -, o che si parli di cinema, spazzatura, buste di plastica, 5 per mille, fondo unico per lo spettacolo, editoria e chissà cos’altro.

Il Milleproroghe, la sua naturale accettazione, la sua sistematica applicazione – che replicano, di fatto, la logica dell’ordinanza, della deroga, del governare a colpi di decreti legge, ma anche dell’assuefazione a questo sistema antidemocratco – è l’ennesima conferma di una deriva italiana verso lo stato d’eccezione permanente.

Con il supporto della neolingua, ovviamente, che crea parole nuove e che fa arrivare a Natale, il milleproroghe. Come il panettone. E senza nemmeno Babbo Natale per farcelo digerire meglio. Segno che la neolingua e lo stato d’eccezione funzionano benissimo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“La magistratura? La più grande minaccia per l’Italia”. Così D’Alema in un cablo Wikileaks

prev
Articolo Successivo

A Bologna Pd in crisi, ma anche il Pdl non se la passa bene

next