Poema della vanga.
Sospinto dalla folla, entra nell’Arena. Invocazione ai Toreri, Pensieri di un Toro. Premonizioni.

Per un attimo pensò
Di ritornarsene indietro:
La maschera di Belpietro
Ghignando ripose: “no”.
Trattenne il fiato, ed entrò
Da solo dentro l’Arena.
Nel silenzio della scena
sentiva l’odore forte
di un desiderio di morte
cupo, invisibile, osceno.

Ay, triste Testa di Moro!
Ay, polentone lascivo!
Come ti sentisti vivo,
quando ti scopristi toro.
Ay, triste vitello d’oro.
Ay, fremito d’animale.
Maschera di carnevale,
malinconia del cerone!
Ay, martedì di passione,
vittima sacrificale!

Ay, lunedì di paura!
Rutelli Banderillero
lacera il vestito nero
con lama d’Estremadura.
La giacca di tela scura
Si macchia di sangue rosso.
Casini ti venne addosso
Sul cavallo corazzato,
da Picador, allenato
a spingere il ferro all’osso.

Poi, tra grancasse e clarini,
Ecco uscir fuori il torero,
Fasciato di rosso e nero,
Tutto brillocchi e lustrini:
Juan Franco, llamado “ Fini”.
Guardava davanti a sé,
Immobile come il Che.
E in un crescendo fatale,
Battendo a terra le pale
Tutti gridavano: “Olè!”

Ma ascoltiamolo pensare
In anima d’animale.
Pensò: “Qui si mette male.
Ci si doveva arrivare.
Va be’, cosa potrei fare.
In quanto toro, cioè.
Scuoter le froge, vabè.
E poi? Forse scoreggiare,
sorridere, ridacchiare.”
Pensava dentro di sé.

“Ridacchio. Mi guardan tutti!
Io come toro mi ammiro.
Guardatemi, Vladimiro!
Guardatemi, Pina e Wanda!
Ay toro senza mutande!
Toro torello torone!
Toracchio zuzzurellone!
Occhi stretti di serpente!”
Rideva con mille denti
il toro in televisione.

Ore fatali! Toreri
di Murcia, di Andalusia,
toreri della poesia,
tori feroci ed alteri,
cuori rossi, tori neri,
angeli della mattanza,
assistete questa danza!
Battono forte le pale,
Per la battaglia fatale
del Gran Toro di Brianza.

P.S.

(…I segni premonitori,
Segnalavano il pericolo:
Il numero che è in edicola
Di Tex Willer, descrive
Un duello decisivo
Tra il Ranger e un lestofante:
Un tetro politicante
Che, corrotto e corruttore,
Governa un paese intero:
Coincidenza illuminante.)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il movimento Yin-Yang

prev
Articolo Successivo

Quanti voltagabbana al Sud e a Napoli

next