Da Castagnetti a Volontè, da Schifani a Bondi. Ma anche Mastella, La Russa, Santanché, Alemanno, La Loggia, Bartolini. E tanti altri. Tutti insieme per inneggiare alla vita, in una canzone incisa nel 2008 ma che sta spopolando su YouTube soprattutto in questi giorni in cui il dibattito è tornato di strettissima attualità dopo il suicidio di Mario Monicelli. Come affrontano il tema i politici italiani di primo piano? “Vita è la libertà, vita è la creatività, è il sorriso che tu mi fai, è la mano che tenderai come quella che tu mi dai”. Insomma, non propriamente un testo profondo. Anche se sono soprattutto le interpretazioni a lasciare perplessi: i problemi di intonazione sono vistosi. E in alcuni casi (Bondi?) nasce addirittura il sospetto che la voce sia stata doppiata. “Siamo vita tutti noi”, dice il ritornello. Ma molti “interpreti”, in realtà, non fanno trasparire una grande vitalità. Ecco il video.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

I rom lo fanno vomitare

next
Articolo Successivo

Ho tanti amici etero

next