Da Castagnetti a Volontè, da Schifani a Bondi. Ma anche Mastella, La Russa, Santanché, Alemanno, La Loggia, Bartolini. E tanti altri. Tutti insieme per inneggiare alla vita, in una canzone incisa nel 2008 ma che sta spopolando su YouTube soprattutto in questi giorni in cui il dibattito è tornato di strettissima attualità dopo il suicidio di Mario Monicelli. Come affrontano il tema i politici italiani di primo piano? “Vita è la libertà, vita è la creatività, è il sorriso che tu mi fai, è la mano che tenderai come quella che tu mi dai”. Insomma, non propriamente un testo profondo. Anche se sono soprattutto le interpretazioni a lasciare perplessi: i problemi di intonazione sono vistosi. E in alcuni casi (Bondi?) nasce addirittura il sospetto che la voce sia stata doppiata. “Siamo vita tutti noi”, dice il ritornello. Ma molti “interpreti”, in realtà, non fanno trasparire una grande vitalità. Ecco il video.

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

I rom lo fanno vomitare

next
Articolo Successivo

Ho tanti amici etero

next