“Il Tg3 non esiste, secondo altre trasmissioni Rai”. Parole di Silvio Berlusconi, nel corso della conferenza stampa a palazzo Chigi sull’emergenza immondizia. Il premier ha così interrotto con una battuta la giornalista del Tg3 che si è era appena presentata e stava per fare una domanda. “Non esiste?”, ha chiesto la giornalista. “Sì, non esiste”, ha replicato il premier, sottolineando che la sua frase era un “sostegno alla rete”.

Per sedare lo scambio di battute e tornare sul tema rifiuti interviene Guido Bertolaso: “Parliamo di spazzatura, quella vera…”. Dietro le parole del premier e di Bertolaso, un velato riferimento ad ‘Annozero’, il programma di Michele Santoro. Nella puntata di eri sera infgatti, il ‘Tgzero’ aveva affrontato il tema dello spazio dedicato alla politica nei telegiornali della Rai (riprendendo i dati forniti dall’Agcom), ed escludendo il Tg3.

“Non rispondo a provocazioni cafone”, dice Bianca Berlinguer. Poi aggiunge: ”Posso replicare alle critiche politiche, ma non alle provocazioni gratuite”. Il direttore del Tg3, risponde anche alle critiche del premier rivolte ad Annozero: “Occorre dire che nel servizio di ‘Annozero’ non è vero che c’era tutto tranne il Tg3. Santoro ha paragonato le ore di alcune trasmissioni ritenute vicine al centrodestra, con le ore di altre trasmissioni ritenute vicine al centrosinistra. Mancavano diversi telegiornali, come per esempio Studio Aperto e il Tg4, non solo il Tg3. In ogni modo, associare il Tg3 a un’area di riferimento sarebbe complicato, considerando che, solo ieri, l’Agcom non ci ha inseriti tra i tg squilibrati a favore di una parte o dell’altra”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Chi è senza off-shore scagli la prima pietra

prev
Articolo Successivo

Minzoparade: addio alle pompette salvavino

next