“Il Tg3 non esiste, secondo altre trasmissioni Rai”. Parole di Silvio Berlusconi, nel corso della conferenza stampa a palazzo Chigi sull’emergenza immondizia. Il premier ha così interrotto con una battuta la giornalista del Tg3 che si è era appena presentata e stava per fare una domanda. “Non esiste?”, ha chiesto la giornalista. “Sì, non esiste”, ha replicato il premier, sottolineando che la sua frase era un “sostegno alla rete”.

Per sedare lo scambio di battute e tornare sul tema rifiuti interviene Guido Bertolaso: “Parliamo di spazzatura, quella vera…”. Dietro le parole del premier e di Bertolaso, un velato riferimento ad ‘Annozero’, il programma di Michele Santoro. Nella puntata di eri sera infgatti, il ‘Tgzero’ aveva affrontato il tema dello spazio dedicato alla politica nei telegiornali della Rai (riprendendo i dati forniti dall’Agcom), ed escludendo il Tg3.

“Non rispondo a provocazioni cafone”, dice Bianca Berlinguer. Poi aggiunge: ”Posso replicare alle critiche politiche, ma non alle provocazioni gratuite”. Il direttore del Tg3, risponde anche alle critiche del premier rivolte ad Annozero: “Occorre dire che nel servizio di ‘Annozero’ non è vero che c’era tutto tranne il Tg3. Santoro ha paragonato le ore di alcune trasmissioni ritenute vicine al centrodestra, con le ore di altre trasmissioni ritenute vicine al centrosinistra. Mancavano diversi telegiornali, come per esempio Studio Aperto e il Tg4, non solo il Tg3. In ogni modo, associare il Tg3 a un’area di riferimento sarebbe complicato, considerando che, solo ieri, l’Agcom non ci ha inseriti tra i tg squilibrati a favore di una parte o dell’altra”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Chi è senza off-shore scagli la prima pietra

next
Articolo Successivo

Minzoparade: addio alle pompette salvavino

next