I giudici della Corte d’Appello di Milano, impegnati nel processo di secondo grado sulla vicenda del sequestro di Abu Omar, hanno deciso di acquisire i verbali delle dichiarazioni rese dagli agenti del Sismi, tra cui Marco Mancini, imputati nel processo, nel corso delle indagini preliminari.
I verbali però, come hanno stabilito i giudici, dovranno essere “omissati” nelle parti coperte da segreto di Stato, come deciso dalla sentenza della Corte Costituzionale, che si è occupata della vicenda. La decisione della Corte d’Appello modifica in parte quella del giudice di primo grado, Oscar Magi, che aveva escluso i verbali degli agenti Sismi dal processo.
La Corte d’Appello ha invece detto “no” alla testimonianza in aula del premier Silvio Berlusconi e dell’ex presidente del Consiglio Romano Prodi. Testimonianze che erano state richieste dalla difesa dell’ex numero uno del Sismi, Nicolò Pollari. Tra i 33 imputati del processo figurano, oltre a Pollari, il dirigente del Sismi Marco Mancini e 26 agenti Cia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bossi: al voto alla prima legge che non passa

prev
Articolo Successivo

Rifiuti, blocchi alla discarica di Terzigno
la polizia carica i manifestanti

next