Incredibile, anzi ovvio: l’Onu ha bocciato la legge-bavaglio. Le Nazioni Unite chiedono al governo di “sopprimere o rivedere” il ddl intercettazioni e per il 2011 annunciano un viaggio in Italia, per esaminare la situazione della libertà di stampa e il diritto alla libertà di espressione. Per replicare, il governo italiano si è affidato a Mussolini, nella versione 2.0 di Fantozzi subisce ancora: “Le potenze demoplutocratiche, con le loro inique sanzioni, minacciano l’apparire dell’impero!”. Correva l’anno 1983, e uscendo dalla cabina elettorale Fantozzi tirava lo sciacquone. Evidentemente qualcuno è rimasto a galla.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rai, Cda rinvia nomine

next
Articolo Successivo

L’Italia di Berlusconi vive solo negli spot
Ma la favola (sulla Bbc e in Rete) svanisce

next