Il debito pubblico italiano sale a maggio e tocca i 1.827,1 miliardi di euro. Questi i dati pubblicati dal supplemento “Finanza Pubblica” al Bollettino Statistico di Bankitalia. Il debito è aumentato di 15 miliardi rispetto al mese precedente  raggiungendo un nuovo record in valori assoluti. Dalla fine del 2009 il debito italiano e’ salito di 65,8 miliardi, crescendo del 3,7%. Ad aprile era di 1.812,8 miliardi, segnando già un incremento rispetto ai 1.797,7 miliardi del mese precedente.

Anche il debito pubblico degli enti locali cresce del 2,5% rispetto al 2009. A maggio tocca i 113,7 miliardi di euro rispetto ai 110,9 miliardi di fine 2009. A trainare la crescita del debito è in particolare il Centro-Sud, con un picco nelle Isole. Nel centro e nel Sud si registra almeno un punto percentuale in più rispetto al Nord. Il debito cresce di più per gli “altri enti locali” e i comuni. Meno per province e regioni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Che si fa? Si riprende il nucleare?

prev
Articolo Successivo

In India il microcredito diventa for profit.
E se finisse come i mutui Usa?

next