L’ho scritto tre giorni fa e si è puntualmente avverato: il franco svizzero continua a salire (e l’euro a scendere). I soldi scappano. D’accordo, uno li ha guadagnati onestamente e non vuole farseli portar via dal governo Berlusconi. Però sarebbe bello che Berlusconi non fosse al governo e che i soldi restassero in Italia. E allora che facciamo? Finchè c’è il Banana, corriamo tutti a Chiasso a portare i nostri risparmi? Ma no.

Certo, la situazione potrebbe precipitare perchè con l’alto debito pubblico (e il basso debito provato) Tremonti, come segnala un lettore, potrebbe metterci le mani in tasca. Come? Con un prelevamento forzoso sui conti correnti e con una patrimoniale sugli immobili. Tanto possono dire che è stata l’Europa a imporlo (e che il debito pregresso l’hanno fatto i governi di centro-sinistra). Invece il governo Berlusconi ha aumentato il debito di oltre 200 miliardi di euro e il rapporto debito/Pil è al 116% (se pensiamo che l’Argentina quando è andata in default era al 120%, ecco, Buenos Aires non è molto lontana).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Innocenzi alla Sipra? Roba da Zimbabwe

prev
Articolo Successivo

Debiti, altro che Grecia
La vera minaccia viene dagli Stati Uniti

next