» Cultura
venerdì 21/04/2017

La graffiante periferia di Renaud suonata da Monti

La graffiante periferia di Renaud suonata da Monti

Giangilberto Monti torna a esplorare la chanson francese, dopo Vian, Ferrè, Gainsbourg ora tocca a Renaud. Refrattario agli intellettualismi, figlio della banlieu parigina Renaud Sèchan con gusto per lo sberleffo e caustica ironia scava la realtà, ne sottolinea contraddizioni e ipocrisie con parole precise. Le sonorità grezze degli inizi si sciolgono col tempo nel pop-rock […]

Per continuare a leggere questo articolo entra ne Il Fatto Social Club
Abbonati ora
© 2009-2017 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cultura

Danko Jones, riff granitici e tanta, tanta adrenalina

Cultura

Timber Timbre, un ritorno agli Anni 80 causa Trump

Angemi, dai bulli a scuola al palcoscenico dance più grande del mondo
Cultura
L’intervista

Angemi, dai bulli a scuola al palcoscenico dance più grande del mondo

di
La mia ultima notte con Dean
Cultura

La mia ultima notte con Dean

di
I commenti per questa discussione sono chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×