» Cronaca
martedì 19/09/2017

Consip, Musti smentisce e Borrelli “salva” Woodcock

Il magistrato usato contro i Noe: “Sui giornali frasi che non ho mai detto” Il capo della Dda partenopea: “Fu il procuratore a intercettare Renzi sr.”

Giornata nera per i fautori del complotto di magistrati e Noe dei carabinieri contro Matteo Renzi a colpi di inchiesta Consip e Cpl-Concordia. Da un lato la procuratrice di Modena Lucia Musti con 72 ore di ritardo disconosce alcune frasi riportate dai giornali su quanto detto al Csm e dall’altro c’è la sonora smentita, sempre davanti al Csm, per bocca del procuratore aggiunto di Napoli Giuseppe Borrelli che i pm Henry John Woodcock e Celeste Carrano volessero inguaiare l’ex premier attraverso babbo Tiziano. Si apprende che avevano l’avallo dell’allora procuratore capo Giovanni Colangelo a intercettare Tiziano Renzi.

Musti ieri ha detto che nei resoconti dell’audizione in cui ha criticato il maggiore Giampaolo Scafarto e il colonnello Sergio De Caprio alias Ultimo “mi vengono attribuite alcune affermazioni, anche virgolettate, che io non ho fatto ovvero che, per come riportate, non rendono in modo fedele quanto da me riferito”. E intanto, davanti alla Prima commissione del Csm che deve valutare se chiedere il trasferimento di Woodcock e Carrano, oltre a Borrelli è stato sentito anche l’aggiunto Alfonso D’Avino, capo della sezione reati Pubblica amministrazione. È Borrelli a parlare delle intercettazioni di Tiziano Renzi richieste da Woodcock e da Celeste Carrano l’8 novembre 2016 e autorizzate dal gip il 17 novembre. “Prima di intercettare Tiziano Renzi, Colangelo mi chiede un parere” e Borrelli ha spiegato di aver risposto che a suo avviso gli indizi c’erano ma il momento non era propizio per l’imminenza del referendum costituzionale. Inoltre, disse al procuratore di verificare se Napoli fosse competente. Colangelo verifica, racconta Borrelli al Csm, riflette e poi lo chiama per dare il suo benestare alla richiesta di intercettazioni.

“Colangelo sapeva tutto di Consip – aggiunge Borrelli –, se non altro per il contenzioso che si era creato tra magistrati di diverse sezioni”. Cioè la pretesa della sezione reati Pubblica amministrazione di avere gli atti Consip per competenza. Lo conferma ieri D’Avino: si sapeva già dalle audizioni dell’ex reggente Nunzio Fragliasso e dal procuratore Luigi Riello. D’Avino conferma una riunione nel gennaio 2016 con Colangelo e l’altro aggiunto della Dda, Filippo Beatrice, in cui sarebbe stato deciso lo stralcio, in mancanza del quale non ha protestato. Insomma, Woodcock non si è affatto tenuto un fascicolo contro la volontà del procuratore e a luglio 2016 viene deciso di dargli un rinforzo: la collega Carrano.

A domanda su perché sia stata la Procura di Napoli a far perquisire il vicedirettore del Fatto Marco Lillo dopo la pubblicazione dell’intercettazione tra Renzi padre e il figlio, D’Avino riferisce che Fragliasso e il procuratore di Roma Giuseppe Pignatone stabilirono che sulle fughe di notizie avrebbero lavorato entrambi gli uffici.

© 2009-2017 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Cronaca
Corruzione in Lombardia

La Procura fa appello: “Non bastano 6 anni per Formigoni”

Troppo bassa la pena: l’ex governatore della Lombardia e senatore di Ap, Roberto Formigoni, deve essere condannato a più dei 6 anni che gli sono stati inflitti in primo grado per corruzione nel processo Maugeri. Lo chiede la Procura di Milano nell’atto di appello depositato contro la prima sentenza dello scorso 22 dicembre: al Celeste – scrivono i pm – deve essere comminata “una pena significativamente più grave”, per la precisione di 7 anni e mezzo di carcere, perché la sua “capacità a delinquere” è “altissima”. Secondo la ricostruzione, dalle casse della Fondazione Maugeri sarebbero usciti, tra il 1997 e il 2011, 61 milioni di euro e dalle casse del San Raffaele (altro filone del processo), tra il 2005 e il 2006, 9 milioni. Soldi che sarebbero confluiti sui conti e sulle società del faccendiere Pierangelo Daccò e dell’ex assessore Antonio Simone, presunti collettori di tangenti, i quali avrebbero garantito circa 8 milioni di euro (per i giudici oltre 6,6) in benefit di lusso, tra cui l’uso di yacht e il pagamento di vacanze, a Formigoni. E il politico in cambio avrebbe favorito la Maugeri e il San Raffaele con atti di Giunta.

Politica

L’asse Bossi-Arcore sfida il pignorato Salvini

Cronaca

“Ride bene chi ride Ultimo”: Scafarto e gli sms al colonnello

Se Roma passa da Serraj ad Haftar
Cronaca
L’analisi

Se Roma passa da Serraj ad Haftar

di

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 22 alle 7, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×