/ / di

Giovanni Iacomini Giovanni Iacomini

Giovanni Iacomini

Professore di Diritto ed Economia nel carcere di Rebibbia

Nato e cresciuto a Tagliacozzo, in Abruzzo. Maturità scientifica, laurea in Scienze politiche alla Sapienza. Vivo a Roma, dove ho fatto gli studi universitari, il militare come Vigile del fuoco e da quasi vent’anni insegno dentro Rebibbia.

Amo viaggiare. Ho visitato, in buona parte in bicicletta, quasi tutte le regioni italiane ed europee e mi sono spinto in vagabondaggi in tutti e cinque i continenti. Passione e curiosità per la scoperta di luoghi e culture differenti, raccolti in reportage fotografici.

Non posso fare a meno di leggere MicroMega (http://temi.repubblica.it/micromega-online/), scrivere di politica, ascoltare i Pink Floyd, vedere certi film, girare per le città in cerca di arte, godere della natura, riconoscere la bellezza, respirare la libertà, parlare e scherzare con gli amici, immergermi in acque termali, stare al sole, guardare la luna, fare sport, pedalare, andare in montagna, soprattutto con gli sci da alpinismo sulla neve, infervorarmi alle partite di rugby.

Non ho mai smesso di studiare diritto, economia, storia e preistoria.

Seguo appassionatamente la politica: ho una ormai lontana esperienza settennale come consigliere comunale, indipendente in liste civiche. Continuo a definirmi illuminista senza partito, anzi orfano di una qualunque rappresentanza.

Le attività in carcere, oltre a quelle legate strettamente all’insegnamento, mi assorbono in maniera quasi preoccupante. Comunque, l’occupazione principale è badare a…moglie e due figli piccoli, rispetto ai quali mi sento un perfetto “mammo” del terzo millennio: stare con loro è l’esperienza più esaltante che si possa vivere.

Dedico quel poco che resta del tempo libero a riparare gli acciacchi di una vita di sforzi e attività sportive: Yoga, metodo DeRose.

Blog di Giovanni Iacomini

Diritti - 21 luglio 2017

Insegnare a Rebibbia /2 – Perché amo le mie classi di delinquenti incalliti

Alla luce della mia lunga esperienza di insegnamento a Rebibbia, credo di poter dire qualcosa su alcuni aspetti salienti del rapporto docente-discente che in carcere può prendere inclinazioni imprevedibili. Negli anni, abbiamo visto fior di delinquenti cambiare prospettive, appassionarsi a materie e argomenti per loro totalmente oscuri fino a quel punto della loro vita. L’ergastolano recita […]
Diritti - 19 luglio 2017

Insegnare in carcere /1 – Dopo 20 anni a Rebibbia dico che le difficoltà vengono dal mondo esterno

Scelsi molto presto, fin da ragazzo, di voler fare il professore. Oltre alla passione per lo studio e la voglia di restare in qualche modo sui libri, c’era che non mi sentivo adatto al lavoro autonomo e quello dell’insegnante mi pareva il più indipendente tra i lavori dipendenti. Sopra di te hai solo il preside, […]
Diritti - 19 giugno 2017

Studiare in carcere fa rinascere un detenuto. ‘L’ignoranza fa fare cose cattive’

Nero della parte più profonda e povera dell’Africa, giramondo clandestino, tossicodipendente e spacciatore: che ci si può aspettare? Giustamente finisce in galera e, dopo qualche anno di turismo carcerario in giro per istituti, approda a Rebibbia. Dove, ci si creda o no, racconta di aver avuto una catarsi, “una rinascita”. Complici, stavolta, la custodia attenuata della […]
Diritti - 6 maggio 2017

Carceri, vi spiego come vivono i detenuti islamici

Vivendo in contesti che, piaccia o meno, si fanno sempre più multietnici, è naturale che capiti di relazionarsi con persone di origini diverse dalla nostra. Col senno di poi, sembra chiaro che la “scuoletta” in cui siamo cresciuti fosse un’eccezione: tutti in piedi a recitare la preghiera prima e dopo le lezioni.“Il presidente, la croce, il […]
Diritti - 19 aprile 2017

Roma, il carcere di Rebibbia apre al pubblico Terza bottega: ‘Abbattere i muri del pregiudizio’

“Tear down the wall” erano le parole, ripetute in un crescendo entusiasmante, con cui Roger Waters, bassista e autore dei Pink Floyd, chiudeva la sua opera rock e prevedeva il crollo dei muri che alla fine del secolo scorso ci avrebbe fatto illudere di poter vivere in un mondo più libero e più aperto. Oggi […]
Giustizia & Impunità - 13 marzo 2017

Rebibbia: tutti lo chiamano l’imam, presto tornerà libero

I primi giorni di scuola, anni fa, se ne stava da parte, seduto composto nel suo banco, silenzioso ma attento alle mie parole. Aspetto e colori rivelavano evidenti origini maghrebine, così ogni tanto gli chiedevo se avesse problemi di comprensione e lui, intimidito, dimostrava di aver capito traducendo qualche parola difficile nel suo francese imparato […]
Cronaca - 20 gennaio 2017

Terremoto e maltempo, riflessioni di uno sciacallo abruzzese

Come diceva Ennio Flaiano, “sono sempre vissuto fuori ma resto abruzzese perché dentro ho il pudore dei sentimenti”. Stavolta, però, non ce la faccio a non fare qualche considerazione sparsa sugli eventi che stanno colpendo la nostra terra. Neve, frane, smottamenti, terremoti, disservizi in una combinazione per certi versi inaudita. Andiamo per ordine, cominciando dalla […]
Cronaca - 28 ottobre 2016

Rebibbia a Montecitorio, i detenuti nei luoghi in cui si fanno le leggi

Mettiamo da parte facili battute allusive su deputati e carcere, tipo la montagna che va da Maometto, o un rapporto iniquo tra puniti e impuniti. Nei fatti, dopo un lungo periodo di lavori preparatori, si è realizzata una delle più rilevanti iniziative promosse dalla scuola interna al penitenziario di Rebibbia. Siamo nell’ambito di “Libertà e […]
Referendum Costituzionale - 14 ottobre 2016

Referendum costituzionale 2016, D’Alema più si espone più porta sì al mulino di Renzi

Preso atto della malparata dei sondaggi che vedevano in vantaggio i contrari alla riforma costituzionale, il governo ha deciso di ricorrere all’arma più affilata: dare spazio a D’Alema. È la subdola tecnica dello spauracchio con cui Berlusconi si è assicurato il suo ventennale dominio, ad esempio con le ospitate di Bertinotti su Retequattro; ed è […]
Scuola - 7 ottobre 2016

Carceri, notizie dall’interno (di Rebibbia): la buona scuola è alla frutta

La scuola, come sappiamo tutti in quanto padri, figli e operatori, è un disastro. E non da ieri. Quel poco che ne restava è crollato sotto i colpi delle varie “riforme” Moratti, Gelmini, etc, passando per i Berlinguer. Quest’ultimo si distinse soprattutto nel campo universitario, ma uno per uno tutti i settori sono stati colpiti, […]
Roma, manca convenzione col Policlinico. La burocrazia chiude dopo 13 anni l’ambulatorio solidale di Tor Bella Monica
Migranti, perché oltre che illegale Generazione identitaria è anche pericolosa

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×