/ di

Riccardo Orioles Riccardo Orioles

Riccardo Orioles

Giornalista

Riccardo Orioles (Milazzo, 22 dicembre 1949) è un giornalista italiano, punto di riferimento nel panorama delle firme giornalistiche in Sicilia, impegnato a contrastare la mafia e la corruzione. Alcune delle sue inchieste più notevoli riguardano i rapporti tra mafia e massoneria.

Siti internet: www.isiciliani.itwww.ucuntu.org

Blog di Riccardo Orioles

Giustizia & Impunità - 25 giugno 2018

Stadio della Roma, Parnasi e i politici. Chi ha già vinto il campionato

di Giacomo Pautasso e Riccardo Orioles Luca Parnasi, classe 1977, è l’uomo dello Stadio della Roma, che dovrebbe (doveva?) sorgere nell’area di Tor di Valle, a sud della Capitale. Di questo progetto si parla, in forme diverse, dal 2011, quando la società di calcio Roma passa – auspice Unicredit – dalle mani della famiglia Sensi […]
Diritti - 11 giugno 2018

Aquarius, la Terza Repubblica nel paese degli orchi

Questo testo, già pubblicato sulla catena di San Libero l’8 giugno del 2004, è drammaticamente attuale oggi, 14 anni dopo, a causa della decisione del ministro dell’Interno Matteo Salvini di chiudere i porti a 629 migranti, tra cui 123 minorenni (11 dei quali bambini). Per riflettere su quanto stiamo vivendo, vale la pena di riproporre queste righe. […]
Mafie - 9 maggio 2018

Peppino Impastato vive

In Sicilia, degli ultimi quattro presidenti della Regione due sono stati arrestati o indagati per mafia, uno s’è fatto l’antimafia per gli affari suoi, uno – quello di ora – ha accanto personaggi a cui mafia e dintorni hanno proprio ben poco da insegnare. Tutti costoro non sono saliti al potere con un colpo di […]
Giustizia & Impunità - 20 marzo 2018

Mario Ciancio, inizia il processo all’editore e con lui alla città di Catania

Bianco Vincenzo, Sebastiano “Nello” Musumeci, Crocetta Rosario, Epifani Ettore Guglielmo, Ercolano Giuseppe, Meloni Giorgia e Stancanelli Raffaele hanno avuto l’onore di essere ricevuti da Ciancio Mario per scambiarsi con Lui profonde riflessioni sul destino della città, della Sicilia e del Paese. Nel loro complesso, si può dire, tutti costoro costituivano una classe dirigente. Con diverse […]
Elezioni Politiche 2018 - 4 marzo 2018

Non mi importa cosa voti ma per cosa lotterai domani

Non sembra che la mafia – il potere mafioso, nel senso in cui lo intendeva Giuseppe Fava – sia stata molto ricordata in questa campagna elettorale. Non lo sono stati nemmeno Fiat, Bialetti, Omsa, Benetton, Ducati, Dainese, Geox, Rossignol, Calzedonia, Stefanel, Telecom – alcune delle centinaia di industrie italiane “delocalizzate”, tolte cioè ai lavoratori che […]
Giustizia & Impunità - 3 gennaio 2018

Ferdinando Imposimato, servitore di ideali che meritavano di essere serviti

Ai tempi della Repubblica, Ferdinando Imposimato fu magistrato, e in questa veste cercò di difenderla – conforme al giuramento – e di far luce sui tentativi di ucciderla, che allora non andarono – per il momento – a segno. Non era fra i magistrati che io vedevo più spesso, quindi non mi aspettavo – un […]
Società - 9 novembre 2017

Sicilia, arriva l’Oriolellum: un voto, 100 euro. Paga la Regione

In Sicilia ci sono 4 milioni e seicentomila elettori, di cui alle Regionali 2.203.885 esercitano il loro diritto di voto. Circa un quarto di questi votano in base a considerazioni di interesse personale, senza particolare interesse per questa o quella piattaforma politica. Possiamo quantizzarne il numero in circa 550mila unità. Ciascuno di questi 550mila elettori costa al proprio notabile, boss, […]
Politica - 7 novembre 2017

Regionali Sicilia, le vere elezioni cominciano ora

Di dieci siciliani che incontri, due hanno votato per Silvio Berlusconi (uno con la pistola in tasca), due per Beppe Grillo e uno per Giulio Andreotti. I primi due se ne vanno soddisfatti e in fretta per gli affari loro, che non occorre sapere, i grillini si guardano in giro fra incazzati e orgogliosi, e il democristiano […]
Politica - 3 novembre 2017

Elezioni Sicilia 2017, il mio partito

In Sicilia, in realtà, le elezioni si sono tenute due mesi fa. I senatori romani, che votavano spostandosi da un lato o dall’altro dell’aula, dicevano pedibus ire in sentenziam, “votare con i piedi”. Così è andata in Sicilia, almeno per i ragazzi al primo voto. I giovani appena diplomati (quelli laureati lo facevano già da qualche […]
Politica - 9 ottobre 2017

Catania, cacciare i comunisti (che non ci sono più) e tenersi la mafia

Da San Cristoforo, adesso, “dobbiamo cacciare i comunisti”. Lo dice un signore politico catanese durante il suo comizio, e siccome di comunisti non se ne vedono più da un pezzo dobbiamo pensare che i “comunisti” in questo caso siamo noi: il Gapa, i Siciliani giovani, quelli che lottano insieme ai poveri e combattono i ricchi, […]
Stadio Roma, la testimonianza di Berdini: “Lanzalone aveva funzioni di assessore per la questione dell’impianto sportivo”
Intercettazione Crocetta, giornalisti ed ex direttore de L’Espresso condannati a risarcire il medico Matteo Tutino

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×