“Si tratta di un’assoluta mostruosità, un peccato terribile, che contraddice tutto quello che la Chiesa insegna”. Papa Francesco chiede scusa alle vittime di abusi sessuali. E lo fa nero su bianco nella prefazione del libro di Daniel Pittet – oggi sulla Bild in esclusiva. si è rivolto alle giovani vittime di abusi sessuali subiti da religiosi.

Il pontefice chiede perdono a tutti: “Alcune vittime si sono alla fine addirittura tolte la vita. Questi morti pesano sul mio cuore come sulla mia coscienza e sull’intera chiesa. Alle loro famiglie vorrei esprimere il mio amore, il mio dolore e chiedere in tutta umiltà il loro perdono“.

Daniel Pittet, 57enne svizzero è autore del libro “La perdono padre“, ed è stato lui stesso vittima di un frate cappuccino dai 9 ai 13 anni. Il Pontefice, nella prefazione al volume di Pittet, chiede perdono: “Come può un prete, al servizio di Cristo e della sua Chiesa, arrivare a causare tanto male? Come può aver consacrato la sua vita per condurre i bambini a Dio, e finire invece per divorarli in quello che ho chiamato un ‘sacrificio diabolico’, che distrugge sia la vittima sia la vita della Chiesa?”.