C’è un indiziato per il rogo di Centocelle a Roma. Ventidue giorni dopo l’incendio in cui morirono tre sorelle all’interno di un camper, la sezione Omicidi della Squadra Mobile della Capitale ha fermato un ventenne. Il giovane si chiama Serif Seferovic ed è pregiudicato per reati contro il patrimonio. Per il pm della procura di Roma che ha ordinato il fermo – eseguito con la collaborazione della Squadra Mobile di Torino – è lui il responsabile dell’assassinio delle sorelle Elisabeth, Francesca e Angelica Halilovic.

Seferovic è accusato di omicidio plurimo, tentato omicidio plurimo, detenzione, porto ed utilizzo d’arma da guerra e incendio doloso. Nel dicembre del 2016 il giovane era stato arrestato dalla polizia per il furto della borsa della studentessa cinese Zhang Yao, morta poco dopo essere stata investita da un treno mentre inseguiva i suoi scippatori alla stazione di Tor Sapienza, sempre nella Capitale.  Per quell’episodio furono arrestati tre nomadi con l’accusa di furto con strappo. Seferovic aveva patteggiato una condanna a due anni di reclusione, ma era tornato libero dopo un periodo di detenzione ai domiciliari. Le indagini della polizia, in quel caso, si erano concentrate sul campo nomadi di via Salviati, dove viveva Seferovic e dove vivevano gli Halivovic, la famiglia che abitava nel camper dato alle fiamme: gli inquirenti, però, escludono un collegamento tra le due vicende.

Di sicuro c’è solo che lo scorso 10 maggio nel parcheggio del centro Commerciale Primavera di piazza Mario Ugo Guatteri, il camper degli Halivovic aveva preso fuoco. Nel rogo morirono le tre sorelle che non fecero in tempo ad uscire dal veicolo, mentre si erano salvati gli altri 10 componenti della famiglia. Sin dalle prime fase delle indagini era emerso che quanto accaduto era da ricondursi a problematiche esistenti tra il nucleo famigliare degli Halilovic ed uno dei Seferovic. Contrasti maturati proprio all’interno del campo nomadi di Via Salviati. e forse da ricollegare allo scippo della studentessa cinese.+ Per questo motivo – riferisce la polizia – il padre delle tre vittime era da tempo entrato in forte contrasto con alcuni Seferovic. Infatti, l’omicidio del 10 maggio è stato preceduto da alcuni litigi e danneggiamenti.

Grazie ai video delle telecamere di sorveglianza e alle testimonianze raccolte dai genitori delle vittime, scampati al rogo con i loro altri otto figli, la squadra mobile ha potuto ricostruire quanto accaduto e risalire al responsabile. Gli Halilovic avevano subito pesanti minacce e proprio per questo da qualche tempo non risiedevano più nel campo nomadi di via Salviati. Secondo gli inquirenti è Seferovic l’uomo ripreso mentre lancia una bottiglia incendiaria contro il camper.

All’arresto del giovane si è arrivati dopo aver localizzato in Sardegna la sua compagna, “la quale, costantemente monitorata, nella serata di ieri, si è imbarcata su un traghetto per Genova da dove, nella mattinata odierna, a bordo di un treno, è partita alla volta di Torino, città dove vivono alcuni parenti della famiglia Seferovic”, spiega la polizia. Giunta alla stazione ferroviaria Lingotto di Torino, è scesa dal convoglio e, poco dopo, si è incontrata con Seferovic, il quale è stato immediatamente bloccato dall’Autorità Giudiziaria.