“Le privatizzazioni spariranno dall’agenda di governo, anche perché il Partito Democratico non condivide quelle scelte”. Così il Presidente dem Matteo Orfini boccia il ministro dell’economia Pier Carlo Padoan, alle prese con la scrittura del Documento di Economia e Finanze e la manovra correttiva per deficit eccessivo, che saranno varati martedì 11 aprile. “Non possiamo immaginare un rilancio degli investimenti pubblici con le privatizzazioni – spiega Orfini, intervenendo all’incontro per celebrare i 60 anni dell’Arci – per creare occupazione e rilanciare l’economia del Paese serve una importante strategia di investimenti pubblici, ma allora non puoi pensare allo stesso tempo a una politica di privatizzazioni. Ho apprezzato che il ministro Padoan abbia corretto la sua lettura: prima le privatizzazioni servivano per fare cassa, ora servono per produrre l’efficientamento delle imprese, confido che arriveremo alla piena consapevolezza che questo è un dibattito teorico importante da svolgere ma che non avranno ricadute pratiche nell’azione di governo”