“Era ora!”. “L’Italia che torna a vincere”. “Martello Sebastian“. “Merito ai vincitori”. Forse è perché ormai si è persa l’abitudine, fatto sta che quando la Ferrari vince i cori di giubilo non solo sono bipartisan, ma travalicano il mondo dello sport e arrivano fino in Parlamento, fino a Palazzo Chigi. A dimostrarlo è stato il premier Paolo Gentiloni, che evidentemente si sarà svegliato di buon ora per seguire il Gp d’Australia vinto da Vettel. Non si spiegherebbe altrimenti il riflesso felino con cui è salito sul carro del vincitore: Vettel taglia per primo il traguardo di Melbourne e tac, immediato tweet del premier, che parte dallo sport per diffondere un messaggio nazional-patriottico-elettorale. “Grandissima #Ferrari. L’Italia che torna a vincere” ha cinguettato.

Non poteva mancare l’esultanza (meno istituzionale ma di certo più sincera e senza letture pseudo politiche) del ministro dello Sport Luca Lotti. “Bentornata rossa! Grande #Vettel che riporta @ScuderiaFerrari in cima al podio di #AusGP”.

Ovvia la presa di posizione del presidente Coni Giovanni Malagò: “Trionfo Ferrari in Australia! Che orgoglio! Grazie da parte di tutto lo sport italiano! #ForzaFerrari” ha scritto in un messaggio su twitter il numero uno dello sport italiano.

Con un po’ di ritardo rispetto ai suoi colleghi è arrivato anche il commento dell’ex premier Matteo Renzi: “Grande Ferrari, grande Vettel. Finalmente l’inno di Mameli torna a risuonare in Formula 1″ ha scritto l’ex Rottamatore su Twitter.

Anche il Movimento 5 Stelle si riscopre ferrarista, con Luigi Di Maio che su Twitter ha citato una delle frasi più famose di Enzo Ferrari, fondatore del Cavallino: “Chiedi ad un bambino di disegnare un’auto, sicuramente la farà rossa” (E. Ferrari). Grande Ferrari e grande Seb. Oggi vince il Made in Italy” ha scritto il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio (M5S).

E il diretto interessatoEuforico, specie un attimo dopo aver percorso tutti i 57 giri del circuito australiano: “Forza Ferrari ragazzi, questa è per noi, tutti noi, qui in pista e a Maranello, grazie a tutti, grande lavoro, grande macchina, con calma” ha detto Vettel parlando con il box. “Grande Sebastian, bravissimo, un martello, complimenti” gli ha risposto il team principal della rossa, Maurizio Arrivabene. Poi Vettel è salito sul podio e alla sua felicità ha aggiunto altri argomenti. “E’ stato un Gran premio fantastico. È stato piuttosto folle in senso positivo vedere tutte queste bandiere Ferrari al traguardo – ha raccontato – I ragazzi hanno lavorato bene, hanno dormito poco e i risultati si sono visti. È divertente guidare questa macchina”. “La mia 43esima vittoria? – ha continuato – Ho dovuto tenere a bada Vallteri Bottas all’inizio, poi ho avuto un pochino di fortuna quando sono rientrato dai box. È una macchina con delle gomme che ci permettono di spingere. Avrei potuto continuare a correre per tutta la giornata, mi sono divertito tantissimo”.

Parole di giubilo – questo sì giustificato – anche dai vertici del Cavallino rampante, che hanno aspettato troppo per poter tornare a gioire. “Era ora. Sono contento per la squadra e i nostri tifosi che non ci hanno mai abbandonato. Era da circa un anno e mezzo che aspettavano questa vittoria. E’ stata un’emozione sentire nuovamente suonare l’inno italiano” ha detto Sergio Marchionne. “Sebastian ha fatto una grande gara e sono sicuro che Kimi sarà presto lì a lottare con il compagno – ha aggiunto il presidente della Ferrari – Ed è naturalmente un successo da condividere con tutta la squadra, sia in pista sia a Maranello, perché solo il lavoro di gruppo permette di raggiungere traguardi importanti. Congratulazioni anche ad Antonio (Giovinazzi, ndr) per il suo debutto in Formula Uno“. “Adesso – ha concluso – però la cosa fondamentale è ricordarci che questo non è il punto di arrivo ma solo il primo passo di un lungo cammino che deve vederci tutti impegnati a migliorare ogni giorno”.

Perfezionista, invece, Maurizio Arrivabele, team principal della Rossa: “Il week-end perfetto? Perfetto è quando hai due piloti sul podio, sono contento per tutti i ragazzi della scuderia, hanno lavorato con grande umiltà, modestia, professionalità, a casa e qua – ha detto – Sono contento per la Ferrari. Abbiamo detto che la Ferrari è di tutti e questo è un successo di tutti. Grande strategia? Un successo dettato da una grande macchina, da una grande Ferrari”. Felice anche Kimi Raikkonen, arrivato quarto al traguardo: “Con il primo set di gomme abbiamo faticato un pochino, con le soft la macchina si è comportata meglio – ha spiegato il finlandese – Sappiamo quello che dobbiamo fare per rendere la gara più vicina al mio stile. E’ un po’ deludente il quarto posto, ma non sono molto preoccupato”. “La vittoria di Vettel? Grandioso per il team. Abbiamo un buon pacchetto. Se sistemiamo delle cose, possiamo fare ancora meglio” ha aggiunto.

“Congratulazioni alla Ferrari, hanno fatto un lavoro fantastico in questo week-end, noi abbiamo fatto un ottimo week-end come team, ma in gara abbiamo faticato con le gomme” è stato invece il commento del pilota della Mercedes, Lewis Hamilton, dopo il secondo posto nel Gp d’Australia dietro alla Ferrari di Sebastian Vettel. “Ci siamo dovuti fermare perché non avevamo più aderenza e poi siamo finiti dietro la Red Bull – ha spiegato – A volte va così, nel complesso è stata una grande gara, con ottimi punti per il team e guardate che pubblico qua, grazie a tutti. E’ un Gp fantastico da fare qui” ha aggiunto il campione britannico.

“Sono molto emozionale come gli italiani. Mi sono arrabbiato perché la macchina non è andata veloce e abbiamo fatto un cambio di gomme troppo presto. Siamo entrati tre e quattro giri troppo presto, abbiamo sbagliato” ha detto il team principal della Mercedes, Toto Wolff, spiegando il doppio pugno sul tavolo nel box durante la gara nel momento-chiave del Gp in Australia, con la sosta di Lewis Hamilton al 17/o giro a Melbourne. “La Ferrari – ha ammesso – oggi era più veloce. Vettel era molto vicino. Oggi sono loro i vincitori”. “Bottas? E’ stato un weekend dove è cresciuto, è andato abbastanza veloce verso la fine della gara e sono felice”, ha concluso commentando la gara del pilota finlandese.

La vittoria della Ferrari non è stata l’unica buona notizia per l’Italia. Ottimo, infatti, l’esordio del giovane Antonio Giovinazzi in Formula 1 sulla Sauber. “E’ stato un weekend fantastico. Speravamo di chiudere la gara e sono arrivato 12esimo. Sono contento e contentissimo per la Ferrari che è tornata sul primo gradino del podio – ha spiegato il 23enne pugliese – Un weekend perfetto perché è tornato un pilota italiano in F1 e la Ferrari, che è italiana, è tornata a vincere”. “Fisicamente – ha raccontato ai microfoni di Sky Sport F1 il pilota di MArtina Franca – è dura. Ho sentito un po’ il collo negli ultimi giri. Serve esperienza, girare in F1 è completamente diverso. Servivano dei giri, tra due settimane sarò sempre in Cina vestito di rosso (da collaudatore, ndr) e poi vedremo. Ho avuto il bloccaggio che non mi ha aiutato, sulle supersoft mi sono trovato molto a mio agio”, ha concluso Giovinazzi.