Hitler almeno i disabili li eliminava gratis”. A poche ore dalla morte di Dj Fabo, 40enne cieco e tetraplegico che ha scelto l’eutanasia in Svizzera, l’ultraconservatore Mario Adinolfi, sempre polemico sui temi etici, interviene sulla sua scelta. E lo fa su Facebook, chiedendo agli italiani se vogliono “il sistema svizzero, che sopprime un disabile a listino prezzi”, se vogliono “sfruttare l’onda emotiva per ottenere questa vergogna”. Un caso di cronaca che interroga la politica sul fine vita, per Adinolfi rimanda soltanto alle pratiche del Terzo Reich che “‘disinfettò’ (cioè uccise) 70.273 malati gravi (disabili fisici e psichici), ad un ritmo dunque di 23mila l’anno (…). Il fine esplicito era il risparmio: curare costava molto, 3.50 Reichsmark a disabile. Voi credete che i 23mila tedeschi uccisi nel 1941 non abbiano avuto scelta mentre i 15mila del Benelux nel 2016 sì. Ed è questo che non avete capito”.

adinolfi-1Per lui, leggi come l’eutanasia, che possono essere prodotte “sotto Hitler o sotto la finta democrazia”, hanno un solo obiettivo: “chi non produce va eliminato”. In Svizzera si fanno pure pagare, Exit e Dignitas incassano 18mila euro a cliente. E non vi fanno schifo?”. E continua: “Non la volete la legge sull’eutanasia che hanno Belgio, Olanda e Lussemburgo che nel 2001 hanno soppresso 60 persone e nel 2016 oltre 15mila e non erano 15mila Dj Fabo. Non fatevi fregare. Non volete l’inferno”. Cifre che riporta senza citare la fonte (secondo il report ufficiale del governo belga, nel 2015 i morti per eutanasia sono stati 2021). Dopo il suo messaggio l’account di Adinolfi è stato sospeso: “Per un mese non potrà né postare né rispondere a messaggi privati”, ha scritto la moglie Silvia Pardolesi.

Ma quelli di Adinolfi non sono gli unici messaggi che attaccano Fabo e la possibilità dell’eutanasia. Sul caso interviene anche Francesca Immacolata Chaoqui, pr calabrese divenuta  nel 2013 commissario delle finanze vaticane per volontà di Bergoglio e condannata nell’ambito del processo Vatileaks 2 per la divulgazione di documenti riservati. “Rispetto alla memoria e alla famiglia di dj Fabo ma nessuna intenzione di farne un eroe (…). Pace alla sua anima, ragazzo vittima di questa cultura dello scarto. Icona di una società dove esisti solo se sei valido. Ma non facciamone un eroe. E nemmeno un esempio. Non lo è. Venite con me su un qualsiasi Treno Unitalsi per Lourdes e ve li mostro io gli eroi. Quelli veri”. In un altro post fa di peggio e scrive: “DJ Fabo è un vigliacco non un eroe”. Ma sono centinaia i commenti che si scagliano contro le sue parole, che la invitano al silenzio e al rispetto del dolore altrui. Per lei però due post non bastano, e in un video ribadisce quanto i suoi interventi fossero necessari per ristabilire “la verità”.

adinolfi-2Sul caso di Fabo interviene anche Eugenia Roccella, parlamentare di Idea e un tempo esponente dei Radicali. Sempre attiva nei dibattiti contro l’eutanasia anche ai tempi di Welby e di Eluana Englaro, spiega che “se la risposta al dolore umano diventa il suicidio assistito ogni forma di disperazione potrà essere risolta con l’eutanasia: la morte di un figlio è un dolore meno atroce della tetraplegia? La depressione profonda è meno grave della cecità?”. E attribuisce la scelta di porre fine alla propria vita ad “angoscia e solitudine“, “sentimenti che non si possono eliminare dall’esistenza, ma solo affrontare, stringendosi nell’amore e nella solidarietà“. Il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri, invece, attacca Marco Cappato, che ha accompagnato in Svizzera Fabo. “Questo tweet (riferendosi a quello che dà notizia della sua morte, ndr) dimostra che si fa propaganda su tragedie che non dovrebbero diventare un palco di partito”.