Fa un passo avanti senza precedenti Papa Francesco, lancia il suo sguardo un po’ più in là rispetto al passato in tema di diritti, scelte di vita e non solo. “Fatevi prossimi – chiede Bergoglio ai parroci che hanno partecipato al corso sul nuovo processo matrimoniali – con lo stile proprio del Vangelo, nell’incontro e nell’accoglienza di quei giovani che preferiscono convivere senza sposarsi. Essi, sul piano spirituale e morale, sono tra i poveri e i piccoli, verso i quali la Chiesa, sulle orme del suo Maestro e Signore, vuole essere madre che non abbandona ma che si avvicina e si prende cura. Anche queste persone sono amate dal cuore di Cristo. Abbiate verso di loro uno sguardo di tenerezza e di compassione. Questa cura degli ultimi, – raccomanda – proprio perché emana dal Vangelo, è parte essenziale della vostra opera di promozione e difesa del Sacramento del matrimonio. La parrocchia è infatti il luogo per antonomasia della salus animarum“.

Il Papa pone sotto gli occhi di tutti una visione totale e aperta rispetto alle unioni, anche se un anno fa ricordava che non ci può essere confusione tra famiglia voluta da Dio e ogni altro tipo di unione: “Unioni celebrate in Cristo, unioni di fatto, unioni civili, unioni fallite, famiglie e giovani felici e infelici. Di ogni persona e di ogni situazione voi siete chiamati ad essere compagni di viaggio per testimoniare e sostenere”. Bergoglio ricorda loro che sono i “primi interlocutori” sia dei giovani che desiderano formare una nuova famiglia, che dei coniugi “in crisi, con seri problemi di relazione”. La loro prima “premura”, è “testimoniare la grazia del sacramento del matrimonio e il bene primordiale della famiglia”, aiutando le coppie “a vivere nelle luci e nelle ombre”. Ma sono anche chiamati a “sostenere quanti si sono resi conto del fatto che la loro unione non è un vero matrimonio sacramentale e vogliono uscire da questa situazione”: siano visti non come “esperti di atti burocratici”, ma come “fratelli” “in ascolto e comprensione“.

Ai membri della comunità di Capodarco, ricevuti in udienza in occasione dei 50 anni di fondazione, il Papa ricorda il tema della solidarietà e della partecipazione: “Anche la persona con disabilità e fragilità fisiche, psichiche o morali, deve poter partecipare alla vita della società ed essere aiutata ad attuare le sue potenzialità nella varie dimensioni. Soltanto se vengono riconosciuti i diritti dei più deboli, una società può dire di essere fondata sul diritto e sulla giustizia. Una società che desse spazio solo alle persone pienamente funzionali, del tutto autonome e indipendenti non sarebbe una società degna dell’uomo. La discriminazione in base all’efficienza non è meno deplorevole di quella compiuta in base alla razza o al censo o alla religione”.