“L’Europa non conta più nulla”. A dirlo in un’intervista esclusiva all’emittente San Martino Rtv è stato Romano Prodi, uno dei padri dell’Euro e tra i difensori più strenui dell’Unione europea. Secondo l’ex presidente del Consiglio il progetto comunitario è fallito per colpa dei singoli stati. “La Commissione”, ha detto, “che rappresenta l’aspetto collegiale dell’Europa unita, non esiste più, perché gli stati hanno ripreso il potere non capendo che la Storia avrebbe fatto il suo cammino”. Nell’intervista che andrà in onda questa sera alle 20.40, Prodi ha anche espresso le sue preoccupazioni sull’eventuale isolamento dell’Italia: “Il nostro Paese”, ha detto, “ha la necessità di recuperare la sua identità, e una coesione con l’Europa. Nel mondo globalizzato di oggi l’idea di un’Italia sola è una cosa terribile”. Il professore ha anche attaccato la Germania, evidenziando le responsabilità di chi vuole guidare l’Ue: “La Germania, per i suoi meriti, è il Paese più forte d’Europa però la leadership è un’altra cosa, è rendersi conto dei problemi degli altri, dei problemi collettivi e questo i tedeschi non lo sanno fare”.

Prodi ha quindi ripercorso un anno di politica internazionale soffermandosi sugli scenari possibili per il nuovo anno. Secondo Prodi: “Siamo in un mondo multipolare e le sanzioni hanno rafforzato Putin perché si è colpita ‘Madre Russia’. Putin è cambiato radicalmente con la guerra in Iraq”. Per quanto riguarda invece i rapporti tra Italia e Cina ha commentato: “La Cina ci rimette in gioco, con la possibilità di rilanciare il Mediterraneo come centro dei commerci. Stanno spostandosi dall’esportazione ai consumi, si deve fare in fretta con la Cina, stanno diventando un impero. La Cina è qualitativamente diversa dagli Stati Uniti, che sono pieni di risorse all’interno: il Paese asiatico ha il 20 per cento della popolazione mondiale e il 7% delle terre coltivate, ha bisogno di comprare energia, materie prime e cibo”.