Mattarella? E’ in perfetta continuità con Napolitano. Ci sono presidenti della Repubblica che nominano, fanno, licenziano e assumono al di là di quelli che sono i poteri previsti per loro dalla Costituzione“. Sono le parole pronunciate ai microfoni di Ecg Regione (Radio Cusano Campus) dal leader della Lega, Matteo Salvini, che esprime un’opinione a tutto tondo sul governo Gentiloni: “Alfano al ministero degli Esteri? C’è poco da ridere, qui c’è da piangere. Con questo esecutivo siamo messi peggio rispetto al governo Renzi. L’unica consolazione è che, dopo la pioggia di No al referendum, Renzi, che sembrava immortale ed eterno, ha staccato la spina. Ma questi qui sono provvisori. Basta guardarli in faccia, lo sanno anche loro. Solo che in qualche mese possono fare tanti danni. Hanno la scadenza come il latte a lunga conservazione, in primavera si va a votare“. Il capo del Carroccio si pronuncia sul caso Fedeli e del fasullo diploma di laurea: “Mi ha messo una profonda tristezza. Che c’è di male a essere diplomati? Io ho la maturità classica, mi sono fermato a cinque esami dalla laurea in storia, non ho mai messo sul curriculum ‘quasi laureato’. Questa” – continua – “si è diplomata assistente sociale, ha lavorato per decenni nel sindacato occupandosi di tessile, ditemi che cosa c’entra con l’istruzione. Poi ha fatto la classica furbata all’italiana. E’ il peggio di questa squadra, magari sarà una bravissima persona, ma all’estero per molto meno un ministro in un quarto d’ora si sarebbe già dimesso”. Commento anche su Verdini (“è indegno che uno come lui sia in Parlamento, è il livello più basso della moralità politica“) e sul M5S: “Sono simpatici, parlano anche di referendum sull’euro, che non si può fare. Questo è il problema dei 5 Stelle, un conto è dire una serie di no, un conto è passare dai no ai sì, alla costruzione, alla fase di governo. La Lega da più di 20 anni governa centinaia di comuni e poi regioni come Lombardia e Veneto. I cinque stelle alla prova del governo, guardo a Quarto, Parma, Livorno e anche Roma, perdono pezzo dopo pezzo la credibilità conquistata”. E precisa: “Su immigrazione e sicurezza, sono più a sinistra del Pd. Non potrei mai fare un accordo con chi pensa che tutta l’Africa possa entrare in Italia. Quelli che dicono che M5S e Lega sono simili lo fanno solo per destabilizzarci. Ma non ci riusciranno. Gli italiani non si fanno fregare”