Il delitto di Garlasco, dopo 9 anni, dopo indagini e 5 sentenze; dopo perizie, controperizie, approfondimenti televisivi e interessi giornalistici, sta avendo l’aspetto della molto più prosaica battaglia fatta a suon di carte bollate. Contro il fatto che Alberto Stasi, condannato in Cassazione a 16 anni di reclusione per l’omicidio dell’ex fidanzata Chiara Poggi, avvenuto nel paese della provincia di Pavia il 13 agosto del 2007, sia decaduto dall’accettazione dell’eredità del padre – morto a fine 2013 quando il figlio era in piena bufera giudiziaria – la difesa di parte civile della famiglia della vittima ricorrerà alla giustizia civile.

La partita a questo punto si gioca tutta per fini puramente economici. Stasi deve ai genitori e al fratello di Chiara un milione e 100 mila euro, in base alla seconda sentenza di appello, poi confermata dalla Cassazione, che ha reso esecutivo l’indennizzo alle parti civili. Il colpevole, secondo la legge, deve inoltre rimborsare i costi del giudizio, che riguardano soprattutto le parcelle dei periti del giudice e i consulenti dell’accusa nei vari gradi di giudizio, per un ammontare di circa 200 mila euro. Ma con lo sconcerto della famiglia della povera Chiara e dell’avvocato che la rappresenta, Gianluigi Tizzoni del foro di Vigevano, Alberto Stasi ha fatto decadere il diritto ad ereditare i beni del padre Nicola, restando “nulla tenente”, condizione che naturalmente non gli permette di onorare nessuno dei propri debiti.

Stasi attualmente è “incapace di stare in giudizio” avendo perso la capacità giuridica come capita a chiunque subisca una condanna penale superiore ai cinque anni; per affrontare una causa civile, quindi, dovrà essere nominato per lui un tutore legale; “non appena questo avverrà – spiega l’avvocato Tizzoni – ricorreremo in Tribunale per chiedere che Stasi paghi i propri debiti e lì si valuterà la legittimità o meno delle decisioni che ha preso di fronte all’eredità che gli spettava”. Come spiega sempre l’avvocato Tizzoni, Alberto Stasi – laureato in Bocconi e per alcuni mesi avviato alla professione di commercialista – dopo la morte del padre, come prevede la legge, ha deciso di accettare l’eredità ma col cosiddetto “beneficio dell’inventario”. Chi sceglie questa via ha del tempo, di solito 90 giorni a meno di proroga, per capire ciò che gli spetta e se banalmente gli conviene o meno confermare l’accettazione. Terminato l’inventario si devono fare tutta una serie di atti per formalizzare la volontà di prendersi quanto sul piatto, ma secondo Tizzoni a questo punto Stasi si è fermato facendo decadere i propri diritti sull’eredità.

Quel che possedeva Nicola Stasi era un negozio avviato di autoricambi, dei beni immobili (tra i quali una casa al mare) e diverse altre proprietà, senza contare denari e conti correnti. “Per un totale non di milioni – dice l’avvocato Tizzoni – ma comunque per diverse centinaia di migliaia di euro, come il mio studio ha potuto verificare leggendo gli atti notarili relativi all’eredità; che tra l’altro non presentava debiti – continua il legale dei Poggi – per cui è anomalo che anche dopo un inventario non si sia proceduto a formale accettazione”. L’avvocato Giuseppe Colli, uno dei legali che sin dal 2007 è sempre stato al fianco di Alberto Stasi, conferma la decadenza dal diritto di eredità del suo assistito, spiegando che “ha avuto dei problemi ed è decaduto”. Non aggiunge altro dicendo di non voler entrare nelle questioni civilistiche. Una cosa però la tiene a precisare: “Per me Alberto è innocente. L’ultima sentenza della Cassazione ha aggiunto dolore ad altro dolore, perché si tratta di una sentenza che anche se rispetto la considero sbagliata. Ora tutto si sta trasformando – termina Colli – in una tristissima vicenda da carte bollate. Ripeto, stiamo aggiungendo dolore ad altro dolore”.

Dall’altra parte la pensano diversamente. Continua Gianluigi Tizzoni: “Noi cercheremo di far pagare a Stasi tutto quello che deve, ma pensiamo che anche lo Stato debba fare la sua parte”. “L’ultima ratio – spiega il legale – sarà chiedere che la famiglia Poggi possa accedere al fondo che a fronte di una direttiva della Corte europea si è istituito anche in Italia, e che prevede possano accedervi i famigliari delle vittime di efferati omicidi commessi da nullatenenti”. Tizzoni spiega che il nostro Paese in realtà è per metà inadempiente perché il fondo esiste ma lo Stato ha deciso di metterlo a disposizione solo per le vittime di mafia o di terrorismo. “Una scelta illegittima – dice l’avvocato pavese – confermata da diverse sentenze di Tribunali italiani, tra le ultime una emessa a Bologna, che ha ricordato come la direttiva europea non prevedeva affatto la distinzione operata nel nostro Paese. Ma quella di far pagare alla collettività i debiti di Stasi – termina Tizzoni – lo ripeto, è solo l’ultima ratio, prima seguiremo la normale trafila stabilita dal diritto civile”. La mamma di Chiara Poggi, Rita Preda, non vuole commentare, solo conferma di credere fermamente nella linea stabilita dai suoi legali: Alberto deve pagare tutto quello che deve.